4 luglio: Festa dell’indipendenza americana

4-luglio-giorno-indipendenza-americana

Il giorno dell’Indipendenza degli Stati Uniti noto anche come il 4 luglio, è la festa nazionale degli Stati Uniti d’America che commemora l’adozione della Dichiarazione di indipendenza il 4 luglio 1776, con la quale le Tredici Colonie si distaccarono dal Regno Unito di Gran Bretagna. I festeggiamenti vengono svolti in maniera pomposa in tutti gli stati federali ma anche all’interno di consolati ed ambasciate in tutto il mondo (anche qui negli Emirates). Nelle principali cittá americane ci sono parate, cerimonie ed eventi pubblici con fuochi d’artificio e discorsi politici, e si festeggia anche con barbecue e picnic. Tutti uniti a celebrare la storia, il governo e le tradizioni degli Stati Uniti d’America. Cosí come voleva John Adams che fu il secondo presidente degli Stati Uniti d’America, dal 1797 al 1801, fece parte del comitato di redazione che preparò la Dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti d’America  e che cosí scrisse alla moglie:

« Il secondo giorno di luglio del 1776 sarà l’evento più memorabile della storia dell’America. Sono portato a credere che sarà celebrato dalle generazioni future come una grande festa commemorativa. Dovrebbe essere celebrato come il giorno della liberazione, attraverso solenni atti di devozione a Dio Onnipotente. Dovrebbe essere festeggiato con pompe e parate, con spettacoli, giochi, sport, spari, campane, falò ed illuminazioni, da un’estremità di questo continente all’altra, oggi e per sempre »

L’auspicio solenne di Adams  è stato rispettato, l’unico errore lo ritroviamo nei due giorni d’anticipo: infatti si scelse in seguito di festeggiare l’indipendenza il 4 luglio, il giorno in cui fu mostrata al pubblico la Dichiarazione piuttosto che il 2 luglio, quando fu approvata la risoluzione.

Gli Americani sono un popolo particolarmente nazionalista. Infatti negli Stati Uniti troverete tutto l’anno bandiere americane all’interno degli aeroporti, innalzate davanti alle case, agli uffici pubblici, alle scuole o davanti anche agli ospedali. Questo forte senso di patriottismo e di appartenenza deriva probabilmente dal fatto che l’immigrazione (caratteristica di un popolo e di una terra cosí giovane) ha accomunato varie persone: usi, costumi e tradizioni uniti insieme. Con il passare del tempo questi popoli che vivevano sulla stessa terra, hanno cercato l’identificazione in qualcosa di ben più grande ed ampio che non fosse soltanto il ricordo della Madre Patria. E così, ogni momento, ogni ricorrenza storica rappresenta l’occasione giusta e importante per rinnovare il proprio orgoglio americano innalzando stendardi, bandiere, organizzando parate e discorsi solenni. Ma il 4 luglio, il giorno dell’Indipendenza americana, è molto di più che una semplice festa: è una vera e propria celebrazione dell’essere americani, la volontà e soprattutto la consapevolezza di essere una nazione e di seguire i principi e i valori che i Padri Fondatori del Congresso hanno scalfito nel cuore di ogni americano che si rispetti.  Forse alcune nazioni dovrebbero avere la stessa forza d’animo e unione  che contraddistingue gli Stati Uniti che in molte azioni pecca di protagonismo e egoncentrismo peró per quanto riguarda l’orgoglio nazionale è un esempio da seguire. God bless America!!!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *