Adipec 2015

Si è inaugurata il 9 novembre 2015 ad Abu Dhabi la 31° edizione della fiera Adipec presso l’Abu Dhabi International Petroleum Exhibition & Conference. La manifestazione si svolge ogni anno presso il centro espositivo Adnec e rappresenta la più grande manifestazione del suo genere nell’area MENA (Middle East & Nord Africa) ed e’ fra i tre appuntamenti più importanti per l’Oil & Gas a livello mondiale.

Uno dei temi di questa edizione era che tutte le compagnie petrolifere nazionali nella regione, attraverso il loro petrolio e gas, stavano spingendo duro sui prezzi dei servizi e delle attrezzature ma anche che si sta continuando a spendere tante risorse economiche su grandi progetti strategici, rendendo il Golfo Arabico uno dei punti luminosi nel mondo.

Gli Emirati Arabi Uniti stanno andando avanti con i progetti per aumentare la produzione di greggio e durante questa manifestazione hanno dichiarato il forte impegno per sopperire a qualsiasi carenza nel mercato mondiale del petrolio al fine di garantire la stabilità dei mercati petroliferi. Si è dichiarato anche l’impegno per aumentare la capacità di raffinazione del petrolio greggio per soddisfare la crescente domanda di prodotti petroliferi.

Quest’anno si è raggiunto un numero record di aziende in cerca di affari. Circa 2.000 le aziende espositrici, 85.000 partecipanti, e 7.000 delegati, numeri ancora più alti dell’edizione 2014. Consistente la presenza italiana, con numerose aziende ed enti presenti, tra cui la Cannon (che ha festeggiato i 50 anni di attività proprio in fiera) e svariate aziende dell’associazione A.N.I.M.A. La stessa associazione era presente con uno stand in fiera.

È stato realizzato come ogni anno per i newcomers un incontro con ADNOC (principale società petrolifera locale) e le sue società controllate per fornire adeguato supporto informativo in merito alle procedure per gare e pre-qualifiche.

Gli Emirati Arabi Uniti membri dell’OPEC fin dal 1967, sono il 7◦ produttore mondiale di petrolio e di gas naturale ed il 5◦ più grande paese esportatore, dopo l’Arabia Saudita, la Russia, l’Iran e la Nigeria ed esportano prevalentemente in Asia e Giappone. Gran parte della riserve (circa il 94%) è concentrata nell’Emirato di Abu Dhabi: la produzione è controllata dalla statale Abu Dhabi National Oil Company (Adnoc), in collaborazione con le sue società controllate ed alcune grandi compagnie petrolifere internazionali, tramite regime di concessione: BP, Shell, Total, ExxonMobil, e Occidental Petroleum, ma attualmente le concessioni sono in fase di rinnovo. Nonostante l’attuale tendenza in diminuzione dei prezzi del petrolio, gli Emirati Arabi Uniti si confermano a livello mondiale uno dei più dinamici mercati del settore.

I principali progetti in corso di sviluppo sono finalizzati sopratutto allo sfruttamento di moderne tecniche di estrazione denominate EOR-Enhanced Oil Recovery –Recupero Avanzato del Petrolio; per i lavori del settore petrolifero sono particolarmente attive (impianti trattamento gas, reti di trasporto, perforazione, condotti, etc) le italiane Maire Tecnimont, Saipem, Snamprogetti (gruppo ENI), Techint: tali aziende sono coinvolte in numerosi grandi progetti ed è consigliabile, per un primo accesso al mercato, verificare anche la possibilità di operare da subcontractor per le ditte citate.

Secondo una ricerca realizzata da Ventures Middle East nel 2014, sono stati realizzati nel 2013 progetti di edilizia in tutti i Paesi GCC per oltre 66 miliardi di dollari, mentre nel 2014 per oltre 85 miliardi di dollari, con un focus particolare nel residenziale (circa 30 miliardi, pari al 40% dei progetti) e nel commerciale/uffici (oltre 16,5 milioni pari a circa il 20%), ma si registra anche una crescita esponenziale dei progetti di hospitality (+131%) e sanità (+108%) che rappresentano ciascuno circa l’8,5 % del mercato.

Il mercato dei lavori e costruzioni negli EAU raggiungerà nel 2015 un valore complessivo di 50,591 miliardi di dollari: i progetti dedicati all’oil &gas rappresentano circa l’11% del mercato delle costruzioni, cui si aggiunge l’1% oleodotti-gasdotti.

Le importazioni dal’Italia verso gli Uae di alcune delle principali attrezzature petrolifere ammontano per il 2014 a euro 355.979.000. I dati di settore riportati sono afferenti solo ad alcune delle più comuni apparecchiature e tecnologie utilizzate nel settore petrolifero: i dati sono in calo, ma occorre tener presente che si tratta di acquisizione di commesse pubbliche molto ingenti, che non vengono bandite ogni anno e che pertanto portano ad una grande variabilità dei dati di anno in anno.

Adipec 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *