Big 5 Dubai: cresce la partecipazione internazionale e i progetti in costruzione

Il Big 5 è l’evento fieristico più prestigioso nel settore dell’edilizia e delle costruzioni, ed é un appuntamento unico per esporre e per accedere alle opportunità di affari esistenti sui mercati del Medio Oriente. 

Quest’anno c’era grande attesa per questo evento anche perché era collegato al Big 5 Solar dedicato alle energie rinnovabili. L’evento non ha tradito le attese.

Avviato dal Comune di Dubai e patrocinato dal Ministero per lo Sviluppo delle Infrastrutture, The Big 5 ha preso il via con due conferenze di alto livello, The Excellence in Construction Summit e The Big 5 Innovation in Precast Summit. Riunendo alcuni dei leader più lungimiranti di tutto il mondo, le conferenze hanno presentato idee e progetti rivoluzionari che sono all’avanguardia nell’eccellenza nelle costruzioni, compresi gli ultimi sviluppi nella stampa 3D discussi da Benjamin Piper.

In linea con la Vision 2021 e Dubai Clean Energy Strategy 2050, che ha visto gli Emirati Arabi Uniti lanciare i più grandi progetti di energia solare concentrati nel mondo e il primo del suo genere nella regione all’inizio di quest’anno, il Big 5 Solar ha presentato tutte le tecnologie solari di espositori locali e internazionali, tra cui l’accumulo di energia, le tecnologie solari termiche (CSP) e il fotovoltaico per soddisfare le crescenti richieste di verde negli Emirati. Tenuto sotto il patrocinio del Ministero dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti, The Big 5 Solar é stata una piattaforma privilegiata per potenziare l’industria dell’energia solare.

Oltre alle conferenze di alto livello, The Big 5 e The Big 5 Solar hanno offerto oltre 80 conferenze fornite da esperti del settore. Business, Tecnologia, Sostenibilità, Project Management, Architecture e Solar Talks hanno permesso ai visitatori di tenersi aggiornati sugli ultimi sviluppi del settore e le best practice globali nei quattro giorni dello show.

The Big 5 2017 ha presentato soluzioni di costruzione a 360 gradi raggruppate in cinque settori merceologici dedicati: Building Interiors & Finishes, Building Envelope & Special Construction, Construction Tools & Building Materials, Construct Technology & Innovation e MEP Services. Ogni giorno, alcune dimostrazioni di prodotto dal vivo, hanno offerto una visualizzazione interattiva dei prodotti e delle tecnologie più innovative presentate in tempo reale dagli espositori di The Big 5.

Josine Heijmans, Portfolio Event Director di The Big 5, ha dichiarato: “The Big 5 è stata all’avanguardia nell’innovazione delle costruzioni negli ultimi 38 anni e la nostra missione sarà sempre quella di supportare e far progredire il settore delle costruzioni. I nostri vertici, le sessioni formative e le migliaia di soluzioni innovative esposte quest’anno sono tutte rivolte a facilitare il Dubai Plan 2021 e UAE Vision 2021 attraverso la costruzione di infrastrutture completamente connesse e integrate, nonché un ambiente affidabile e sicuro“.

Ancora più interessanti sono i dati di crescita emersi sull’export, anche italiano.

Secondo le ultime statistiche di BNC Network, c’è stata una crescita del 17,4% nel numero di progetti di costruzione attivi negli Emirati Arabi Uniti nel 2017 rispetto all’anno precedente, e un aumento dell’8,6% in termini di valore, che ha raggiunto 818 miliardi di dollari.   

Questo aumento ha attirato a Dubai oltre 2.500 aziende di 60 paesi che hanno scelto di venire a presentare i loro prodotti e soluzioni per l’edilizia al The Big 5 di Dubai quest’anno. Alcuni di loro hanno partecipato all’evento per la prima volta dimostrando che gli Emirati Arabi Uniti rappresentano, ora più che mai, il futuro per i costruttori internazionali di costruzioni, e Dubai ormai é un hub di business leader, che si estende ben oltre la regione del Medio Oriente “.

Nel 2016, gli EAU hanno importato prodotti e materiali da costruzione del valore di circa 13 miliardi di dollari per completare gli 11.755 progetti attualmente in fase di sviluppo in tutto il paese. La Cina si è classificata al primo posto tra i fornitori internazionali degli Emirati Arabi Uniti, con una quota di mercato del 30% e esportazioni di circa 3,9 miliardi di dollari l’anno scorso, seguite da Germania e Stati Uniti.

Riguardo all’Italia, con una quota di mercato del 6,9% e un valore totale di 890 milioni di dollari nel 2016, si conferma il quarto fornitore degli Emirati Arabi Uniti nel settore delle costruzioni. Primo mercato in Medio Oriente per le esportazioni italiane, gli Emirati Arabi Uniti lo scorso anno hanno importato prodotti dall’Italia per un valore di 6,3 miliardi di dollari, e il trend nella prima metà del 2017 continua a crescere.

Quasi 350 aziende italiane hanno mostrato le loro soluzioni al The Big 5 quest’anno, confermando il forte coinvolgimento dell’Italia nel settore delle costruzioni degli Emirati Arabi Uniti. Per la prima volta ha partecipato anche la Regione Sicilia, con oltre 30 espositori siciliani che hanno esposto arredi e decorazioni per interni ed esterni in marmo, ferro battuto, ceramica, tessile, pietra e legno.   

Gianpaolo Bruno, commissario per il commercio italiano negli Emirati Arabi Uniti , Oman e Pakistan, ICE (Commissione commerciale italiana) ha dichiarato: “L’Italia è orgogliosa di aver presentato una massiccia partecipazione di oltre 300 aziende specializzate in un ampio spettro di attività nel settore delle costruzioni. Per l’Italia, gli Emirati Arabi Uniti e la regione del Golfo sono sempre stati un mercato strategico di fondamentale importanza per le nostre aziende il cui vantaggio competitivo risiede nella grande qualità di prodotti e servizi, l’innovazione sistematica, design ed eccellenza estetica e alto grado di flessibilità per adattarsi alle esigenze dei clienti.”

Anche Germania, (secondo maggior fornitore di materiali e materiali da costruzione degli Emirati Arabi Uniti, con una quota del 7,9%) e  Turchia  (quota mercato del 5,5%) sono stati presenti con una forte presenza e rappresentano importanti realtà in questo settore. the big 5 dubai futuro costruzioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *