Casinò a Dubai? Non ancora

Arriva il Casinò a Dubai?! No, non é ancora il momento.

Si era pensato ad una possibile apertura, dopo che il Caesar’s Palace di Las Vegas, aveva confermato la costruzione di un resort a JBR alla Blue Water Island vicino la ruota panoramica. Invece c’é ancora da aspettare.

La legge islamica vieta i casinò e il gioco d’azzardo, ma in alcune zone  effettivamente vige una certa tolleranza, un po’ come l’alcool a Dubai (che viene regolarmente servito all’interno degli hotel, considerati da questo punto di vista una sorta di zona franca per i non musulmani). Tra i vari Paesi del Medio Oriente (che si espande in 3 continenti – Africa, Asia ed Europa – ed include tra i vari Paesi: Egitto, Israele, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Libano e tanti altri) è il Libano ad ospitare alcune case da gioco.

Il gioco d’azzardo, invece, è entrato ormai stabilmente a far parte della cultura occidentale. Nei Paesi dell’area Islamica, il divieto discende fondamentalmente da motivazioni di stampo religioso. Il Corano, infatti, qualifica i giochi d’azzardo come “atti diabolici” e la Religione Islamica è molto attenta a limitare non solo il gioco d’azzardo propriamente inteso, ma anche determinati tipi di sport e passatempi.

Nonostante i divieti imposti, in alcune località il gioco è particolarmente diffuso, soprattutto in quei luoghi che sono nel tempo divenuti celebri per la capacità ricettiva, le bellezze naturali e la straordinaria forza attrattiva che la cultura orientale suscita in turisti e curiosi.

Dubai avrebbe quindi tutte le potenzialità ed elementi per ospitare alcuni dei più imponenti casinò del pianeta, strutture che coniugano perfettamente l’arte dell’intrattenimento con la cultura dell’ospitalità.

Inoltre dal punto di vista degli investimenti immobiliari destinati al divertimento, Dubai rappresenta indubbiamente una delle località più ricercate e non è un mistero che già da tempo si sia ipotizzata l’apertura di alcuni casinò facenti parte di grandi catene statunitensi, così come avviene già in Bahrein.

Dunque il gioco, anche se con tutte le limitazioni del caso, fa parte integrante dell’offerta di questi Paesi Mediorientali anche se, proprio Dubai, città cosmopolita e tra le più occidentalizzate, potrebbe rappresentare una delle capitali del gioco a dispetto di una tradizione sì restrittiva, ma estremamente affascinante.

Quindi anche il Caesars Palace dovrà aspettare. Ma il Caesars, oltre al casinò,  è anche famoso in tutto il mondo per aver ospitato alcuni dei più grandi incontri di boxe della storia. Una partnership tra Meraas e Caesars Entertainment porterà due resort di lusso, un centro congressi e un beach club al resort entro la fine dell’anno.

I dettagli sull’arredamento e sul design dell’hotel di Dubai restano ancora non svelati.

L’esclusivo Caesars Palace Bluewaters Dubai, sarà il secondo Caesars Palace del mondo, con una piscina coperta e due piscine all’aperto, una spa di 630 metri quadrati e un centro benessere con vista mozzafiato su Ain Dubai e sei ristoranti.

La struttura includerà anche una sala per eventi, una sala riunioni e un centro business. Quindi anche se non avrà il casinò, non mancheranno i servizi.

Caesars Bluewaters Dubai, il secondo hotel, avrà 301 camere, due piscine all’aperto, tre ristoranti di livello mondiale, tre sale riunioni attrezzate per fornire servizi business e una sala per eventi di 850 metri quadrati.casino dubai caesar palace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *