Gioco d’azzardo e Islam

Il gioco d’azzardo è entrato ormai stabilmente a far parte della cultura occidentale. In particolare in Italia, negli ultimi anni, giochi come il poker online nelle sue tante varianti (il texas holdem tra la più gettonate) sono diventati così popolari da costituire uno dei settori più redditizi del comparto del gioco pubblico. In alcuni Paesi, tralasciando la questione della legalizzazione e della regolamentazione del settore, il gioco d’azzardo subisce una serie di restrizioni da parte dei Governi locali o viene vietato come accade nei Paesi dell’area Islamica nei quali il divieto discende fondamentalmente da motivazioni di stampo religioso. Il Corano, infatti, qualifica i giochi d’azzardo come “atti diabolici” e la Religione Islamica è molto attenta a limitare non solo il gioco d’azzardo propriamente inteso, ma anche determinati tipi di sport e passatempi.

Nonostante i divieti imposti, in alcune località il gioco è particolarmente diffuso, soprattutto in quei luoghi che sono nel tempo divenuti celebri per la capacità ricettiva, le bellezze naturali e la straordinaria forza attrattiva che la cultura orientale suscita in turisti e curiosi.

Dubai, località a sud del Golfo Persico, ogni anno visitata da milioni di turisti e sede di alcuni dei più celebri alberghi del mondo, che rappresenta anche uno dei più importanti crocevia di investimento per imprenditori ed affaristi moderni. Dubai, uno dei sette Emirati che compongono gli Emirati Arabi, potrebbe ospitare alcuni dei più imponenti casino del pianeta, strutture che coniugano perfettamente l’arte dell’intrattenimento con la cultura dell’ospitalità.

Dal punto di vista degli investimenti immobiliari destinati al divertimento Dubai rappresenta indubbiamente una delle località più ricercate e non è un mistero che già da tempo sia ipotizzata l’apertura di alcuni casino facenti parte di grandi catene statunitensi proprio sul territorio, così come avviene già in Bahrein; questa dicotomia tra interdizione al gioco ed offerta al pubblico nei grandi alberghi di lusso può sorprendere i giocatori ed i turisti Europei, tuttavia non suscita clamore all’interno della cultura Islamica. In particolare nelle grandi strutture che ospitano i casino uno dei giochi più amati è proprio il poker; forse un giorno Dubai potrebbe rappresentare una delle capitali del gioco internazionali, a dispetto di una tradizione sì restrittiva, ma estremamente affascinante. Ma per ora il gioco resta vietato negli Emirati Arabi e l’unica possibilità vicina, resta il Bahrein.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *