Crisi Qatar-Paesi del Golfo: si cerca accordo in Europa

Il Qatar è pronto a sedersi al tavolo dei negoziati per cercare di porre fine alla controversia con i suoi vicini arabi del Golfo, ha detto, HH Sheikh Tamim Bin Hamad Al Thani, a Berlino, durante la sua visita alla cancelliere tedesca Angela Merkel.

Da giugno, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, l’Egitto e il Bahrein hanno tagliato i rapporti diplomatici e commerciali con il Qatar accusato di finanziare il terrorismo e aiutare il rivale Iran.

La Merkel ha detto di essere preoccupata che non c’è una soluzione alla crisi, aggiungendo che ha sostenuto gli sforzi del Kuwait e degli Stati Uniti per mediare la fine della controversia.

“Non risolveremo mai in modo pubblico questo conflitto con tutti coloro che esprimono il loro parere”, ha detto, chiedendo che i colloqui non vengano riportati quotidianamente sui giornali.

Dopo l’incontro con la Merkel, l’emiro del Qatar volerà anche Parigi per colloqui con il presidente francese Emmanuel Macron. Nella sua prima tappa, invece, aveva incontrato ad Ankara il presidente turco Erdogan.

La Turchia ha inviato truppe a Doha per sostenere il regime di Qatar.

Gli altri Paesi del Golfo, per risolvere la crisi vogliono che il Qatar espella le truppe turche, limiti i rapporti diplomatici con l’Iran ed interrompa immediatamente i legami con le capsule del terrorismo.

Ora si cercherà un accordo perchè questa crisi non fa bene all’Europa per suoi affari commerciali. Certamente i Paesi del Golfo rimangono fermi sulle loro convinzioni e motivazioni e non sarà semplice per l’astuta Merkel trovare una via diplomatica.

Una crisi diplomatica, in generale, è sempre un avvenimento da non augurare e quindi si spera in una soluzione ma tanto alla fine è sempre una questione economica. qatar rapporti paesi golfo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *