Cucina italiana a Dubai

Dubai, città enorme, cosmopolita vitale crocevia di business tra Oriente e Occidente. Un mix di razze, culture, tradizioni e anche sapori e cucine.

Un Expo in arrivo, export del made in Italy in costante crescita e i ristoranti italiani che propongono il meglio della cucina tricolore. 

Un export, in particolare dei formaggi che è in crescita esponenziale in questo paese che importa complessivamente il 90% del suo fabbisogno alimentare: dal 2000 al 2013 l’importazione di prodotti caseari made in Italy è aumentata del 1.600% e tra il 2013 e il 2014 la crescita è stata del 22%.

I più richiesti, sono i formaggi freschi: burrate e mozzarelle in primis. Ma anche Grana e Parmigiano Reggiano godono di ottima salute. La stima è che l’export italiano di beni e servizi sarà trainato dalla maggiore domanda mondiale e aumenterà in valore del 6,9% l’anno, in media, fino al 2019.

A Dubai si possono trovare ristoranti raffinati con cucina gourmet e di alta classe, luoghi turistici ma anche luoghi dove l’attenzione per farti sentire a casa, è massima e dove vengono cucinati i piatti in maniera genuina, semplice ma con enorme qualità.

Possiamo trovare a Dubai, per esempio, piatti più ‘turistici’ come pizza o lasagna ma anche piatti genuini e autentici della nostra tradizione come una pasta “orecchiette con le cime di rapa” o una “pasta patate e provola”.

I prezzi, ovviamente, sono in linea con il tenore di vita esistente a Dubai e con l’attenzione alla selezione delle materie prime.

Infatti l’elemento che rende i nostri prodotti competitivi e li unisce è la qualità, riconosciuta a livello internazionale e diffusa ormai a tutte le gamme di prodotti, non solo quelli di lusso.

La qualità delle materie prime è fondamentale ed è alla base anche della filosofia dello chef Matteo Bissanti di Cucina Mia Restaurant che abbiamo raggiunto e che ci ha rilasciato delle considerazioni sullo stato attuale della cucina italiana e sulle tradizione di una volta:

“Molte delle ricette della cucina italiana prevedono pochi ingredienti, per cui saperli abbinare e scegliere prodotti di qualità è fondamentale per la riuscita di un buon piatto”.

Negli ultimi venti anni, ad esempio, molte sono le scuole che sono state aperte per insegnare a fare una buona pizza, per cui il livello é abbastanza buono un po’ dovunque.  La mia ha la particoritá di essere ad alta digeribilitá, con l’80-90% di idratazione con lievitazione naturale e una lunga maturazione di quasi 100 ore. “Le ricette o le pietanze della nostra cucina italiana, sono state scritte dalle nostre nonne non dai grandi chef, quindi nascono con pochi e semplici ingredienti ma tanto amore e passione.”

Passione e amore che ancora oggi sono i pilastri della nostra cucina e che rendono la cucina italiana la più apprezzata al mondo. Buon appetito !!! orecchiette cime di rapa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *