Dubai, un aeroporto da record: sprint finale con Londra Heathrow

dubai-aeroporto-da record-sprint-finale-LondraDubai, un aeroporto da record e ora sfida Londra per essere in cima alla classifica mondiale per il traffico dei passeggeri internazionali. A Dubai si cresce tanto: piú 5,7 per cento rispetto a un anno prima e 5,98 milioni di persone nel solo mese di Ottobre. Nei primi 10 mesi dell’anno, il traffico passeggeri presso l’aeroporto principale di Dubai è salito del 6,1 per cento arrivando a toccare 58,4 milioni di persone. “Siamo sulla buona strada per superare i 71 milioni di passeggeri entro la fine dell’anno, che è un numero notevole se si considera che abbiamo perso i servizi di alcune nostre piste per quasi tre mesi,”  quanto dichiara Paul Griffiths, amministratore delegato Aeroporti di Dubai. “Siamo testa a testa con Londra Heathrow nella nostra corsa per la prima posizione per il traffico passeggeri,” ha aggiunto Paul Griffiths. Sicuro ci sarà un testa a testa fino all’ultimo. Alcuni lavori di ristrutturazione durante l’estate, con conseguente riduzione delle piste disponibili, non ha frenato la crescita dell’aeroporto di Dubai, spinto dagli operatori storici Emirates Airline e Flydubai che stanno espandendo le loro reti. Non a caso in termini di crescita come numero complessivo di passeggeri, il subcontinente indiano è il primo mercato con un aumento di 121.669 passeggeri, seguito da Europa occidentale, Asia e Africa.

Emirates ha fatto partire una campagna aggressiva verso i mercati occidentali e presto è arrivato ad essere il più grande vettore al mondo per traffico internazionale. Inoltre Dubai sfrutta anche tutte le sue potenzialitá per attrarre sempre di piú visitatori: l’unico hotel a sette stelle del mondo – il Burj Al Arab – un’isola artificiale a forma di palma, e la torre il più alto del mondo – Burj Khalifa e inoltre l’emirato intende ospitare 25 milioni di visitatori per l’Expo 2020. Tuttavia Dubai è anche considerata tra le prime tre città più care per camere d’albergo, secondo un indice compilato da Bloomberg. Gli altri due sono Ginevra e Miami. Gli sviluppatori stanno cercando di costruire più alberghi economici per aprire il mercato ma stanno emergendo preoccupazioni per i prezzi dei terreni e l’aumento dei costi di costruzione che stanno giá portando ad un potenziale rallentamento nello sviluppo dei progetti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *