Emirati Arabi Uniti – Italia aumenta l’intesa

italia-Emirati-Arabi-Uniti-commercio-bilateraleIl commercio bilaterale tra l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti è destinato a crescere fino al 15 per cento quest’anno, sostenuto dalla domanda di macchinari industriali nel settore delle infrastrutture. “A mio parere la crescita sarà dal 5 al 15 per cento”, ha detto Giorgio Starace, l’ambasciatore italiano negli Emirati Arabi Uniti, nel corso di una riunione presso il Ministero degli Esteri italiano a Roma. “L’euro forte ha colpito le esportazioni verso gli Emirati Arabi Uniti nell’ultima parte del 2013, ma ora la situazione è cambiata e stiamo già sperimentando la crescita.”

Il commercio bilaterale tra i paesi è stato  di € 6.9 miliardi di euro l’anno scorso. Secondo i dati dell’ambasciata italiana ad Abu Dhabi, circa i quattro quinti del commercio, consisteva di esportazioni da Italia a Emirati. L’ambasciata ha detto che gli scambi sono aumentati del 5,1 per cento l’anno scorso e del 56% dal 2010.

Inoltre, la domanda per le imprese e le macchine italiane è elevata nel settore delle costruzioni. Le aree piú importanti nel commercio tra i due paesi sono a sud del paese, i gioielli (piú di un miliardo il fatturato), in direzione nord, le barche hanno portato 575 milioni mentre le esportazioni di petrolio greggio dagli Emirati Arabi Uniti verso l’Italia sono pari a 202 milioni. Guardando al futuro, la crescita del commercio dovrebbe provenire dal settore agroalimentare, con molti ristoranti italiani di apertura a Dubai e Abu Dhabi.

Sul fronte delle telecomunicazioni, il sig Starace ha affermato che Etisalat e con sede a Roma e Wind Telecomunicazioni si sono incontrati di recente per discutere di “punti di alleanza” in Africa. “Hanno ambizione di espansione e di unire le loro forze”, ha detto. “Sono all’inizio dei colloqui per conoscersi e discutere i punti di interesse “.

Vincenzo De Luca, un funzionario del ministero degli Esteri italiano, ha dichiarato: “Il nostro export negli Emirati Arabi Uniti è pari al Brasile e non troppo lontano dal Giappone. “Per gli Emirati Arabi Uniti, è fondamentale avere una partnership con un paese manifatturiero dall’Europa. Per noi, gli Emirati Arabi Uniti è un hub per i paesi della penisola arabica. Si tratta di uno dei paesi più importanti per le nostre esportazioni nel mondo arabo “, ha aggiunto.

L’Italia, che ospiterà un World Expo a Milano dal 1 Maggio al 31 Ottobre del prossimo anno, sta cercando di condividere la propria esperienza con le autorità degli Emirati Arabi Uniti. “Expo Milano 2015 sarà una promozione per l‘Expo Dubai 2020. In questo quadro, i due padroni di casa Expo, Milano e Dubai, hanno firmato a febbraio un accordo per lavorare insieme e scambiare competenze”, ha detto il signor De Luca. Il padiglione degli Emirati Arabi Uniti all’Expo Milano 2015 sarà uno dei più grandi dopo la Germania e la Cina. Etihad Airways e Alitalia saranno i vettori ufficiali per l’Expo 2015.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *