Emirati Arabi Uniti: nasce il primo impianto nucleare

Nasce il primo impianto nucleare degli Emirati Arabi Uniti.

Dato il via libera all’attivazione della centrale nucleare di Barakah. Lo ha annunciato il rappresentante permanente del Paese all’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

L’Autorità federale di regolamentazione nucleare (FANR) ha approvato la licenza di funzionamento del reattore 1 dell’impianto della società Nawah.

L’impianto di Barakah, nel nord-ovest degli Emirati, è stato realizzato da un consorzio coreano guidato da Emirates Nuclear Energy Corporation (ENEC) e Korea Electric Power Corporation (KEPCO), ad un costo di 24,4 miliardi di dollari (circa 22,5 miliardi di euro).

Il primo dei quattro reattori doveva essere messo in servizio alla fine del 2017, ma la data di inizio è stata rinviata più volte per soddisfare gli standard di sicurezza nazionali e internazionali.

Questo è un momento storico per gli Emirati Arabi Uniti che corona così uno sforzo di 12 anni per portare a termine il proprio programma nucleare pacifico con l’obiettivo di soddisfare le future esigenze energetiche del paese. 

Quando saranno pienamente operativi, i quattro reattori avranno la capacità di produrre 5.600 megawatt di elettricità, circa il 25% del fabbisogno degli Emirati Arabi Uniti, paese ricco di petrolio e che ha, attualmente, nel greggio la propria principale fonte di approvvigionamento. 

Gli Emirati Arabi corrono verso il futuro con altre fonti energetiche. prima centrale nucleare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *