Expo 2020 a Dubai: Italia con la Luiss, firmato accordo

La Luiss, la prestigiosa università italiana sarà presente all’Expo 2020 a Dubai. il Commissario Generale di Sezione per l’Italia ad Expo 2020, Paolo Glisenti, e la Magnifica Rettore della Luiss, Paola Severino, hanno firmato il Protocollo d’Intesa per la partecipazione della Luiss alla prossima Esposizione Universale “Connecting Minds, Creating the Future”, che si terrà a Dubai.

La Luiss sarà parte integrante dell’evento fieristico con obiettivi importanti come favorire gli scambi accademici e culturali internazionali, attraverso l’attenzione alla sostenibilità e la cittadinanza globale, la promozione di attività e progetti formativi e di ricerca nei settori dell’innovazione e dell’imprenditorialità digitale, con un orientamento alle nuove professioni, in linea con il tema di Expo 2020. “Connettere le menti, costruire il futuro” (Connecting Minds, Creating the Future).

L’accordo prevede di avviare quindi un progetto intenso, creativo che darà vita ad iniziative e studi congiunti. L’Università, infatti,  metterà a disposizione borse di studio per la formazione, attraverso i propri Corsi di Laurea e Master nell’ambito della digital transformation, di operatori specializzati nell’internazionalizzazione delle imprese dei paesi del Mediterraneo con particolare riferimento ai paesi arabi.

La Luiss si propone infatti come prossimo partner per lo sviluppo didattico, ma anche sociale ed economico, di stati con i quali la cooperazione finanziaria e le attività interculturali saranno sempre più intense nei prossimi anni.

L’Ateneo si dedicherà inoltre a coinvolgere anche le imprese italiane su temi inerenti ad Expo Dubai 2020, con una partecipazione focalizzata e diretta dei suoi studenti, che saranno gli “ambasciatori giovani” del contributo dell’Italia alla manifestazione.

La Luiss di Roma è la prima università italiana che si lega al progetto dell’Italia all’Expo 2020 di Dubai.

“Il nostro progetto mette l’Italia della competenza e dell’innovazione verso questo nuovo paradigma. Nei prossimi due anni ci sarà un milione e mezzo di nuovi posti di lavoro nell’area del Mediterraneo grazie alla creazione di lavori digitali” ha detto Paolo Glisenti

“La partecipazione italiana alla prossima manifestazione Expo 2020 è una grandissima opportunità per creare specifiche competenze e nuove professionalità, operando in un contesto culturale eterogeneo e in forte espansione come quello dei Paesi Arabi”, ha ribadito Paola Severino, Rettore LUISS.

Un progetto che va in più direzioni con nuovi percorsi professionali, creativi e digitali.

Un dinamismo contagioso pronto alla sfida nel formare nuovi professionisti, offrendo loro ulteriori opportunità di lavoro in settori chiave dell’economia.

Il Protocollo è un ulteriore passo avanti verso il percorso di internazionalizzazione della Luiss che conta ad oggi oltre 200 partnership con università dislocate in 44 Paesi,  con tantissimi programmi attivi. firma luiss dubai expo 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *