Festa della Repubblica italiana a Dubai

festa repubblica italiana DubaiLa comunità italiana a Dubai ha festeggiato la sua 69° giornata nazionale conosciuta anche come Festa della Repubblica. La giornata della Repubblica italiana si celebra il 2 giugno di ogni anno in quanto segna la data quando gli italiani votarono in un referendum per abolire la monarchia e adottare una forma di governo repubblicana. Due gli eventi celebrativi per la nostra Festa della Repubblica: il 2 giugno presso il St. Regis Hotel ad Abu Dhabi, il 3 giugno presso il DIMC a Dubai, per dare agevolmente modo agli Italiani presenti nei due emirati di unirsi ai festeggiamenti.

H.E. Sultan Bin Saeed Al Mansouri, Ministro dell’Economia, ha partecipato alla manifestazione il giorno 3 insieme a Giorgio Starace, uscente Ambasciatore italiano negli Emirati Arabi Uniti, a Giovanni Favilli, console generale italiano e il corpo diplomatico e ai membri della business community italiana.

il dr. Favilli ha sottolineato che le relazioni EAU-Italia stanno andando più forte, sia esso nel mondo degli affari, investimenti o relazioni politiche.

Oggi si celebra il grande rapporto tra l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti. Gli ultimi anni hanno visto un grande aumento degli scambi commerciali bilaterali, gli investimenti, e le visite. Il commercio bilaterale ha raggiunto 6 miliardi di euro [Dh24.8 miliardi]

ha detto Favilli. Le esportazioni italiane verso gli Emirati Arabi Uniti principalmente di gioielli, macchinari, settore agroalimentare, sono pari alle esportazioni in paesi molto più grandi come il Brasile, ma ancora più grandi delle esportazioni verso l’India o l’Arabia Saudita. Favilli ha sottolineato il forte legame tra i paesi in vista dell’Expo. L’Italia e gli Emirati Arabi Uniti hanno deciso di condividere le conoscenze sulla base delle esperienze italiane di Expo Milano 2015, che ha avuto inizio il 1° maggio, poichè Dubai ospiterà l’Expo nel 2020. Favilli detto che l’Italia ha fatto una campagna a favore degli Emirati Arabi Uniti per consentire ai cittadini emiratini di viaggiare senza visto in tutti gli Stati Schengen, che è stato ufficialmente oggetto di deroga il 6 maggio. Favilli ha anche sottolineato il contributo dell’ambasciatore Starace a tutti i successi della missione italiana qui negli Emirati. Starace, che ha programmato la sua partenza per l’Italia dopo aver scontato cinque anni come ambasciatore negli Emirati Arabi Uniti, ha ringraziato il governo degli Emirati Arabi Uniti e il suo popolo per il loro sostegno verso l’Italia, in particolare, quando l’Italia ha affrontato anni di recessione.

Attualmente, circa 10.000 italiani vivono e lavorano negli Emirati Arabi Uniti e più di 500 sono le aziende italiane basate nel paese. Inoltre oltre 150.000 turisti italiani visitano gli Emirati Arabi Uniti ogni anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *