Flash mob per Pino Daniele, camera ardente chiusa

flash-mob-pino-danieleDecine e decine di fans del cantante Pino Daniele erano giá in fila all’ospedale S.Eugenio di Roma per dare l’ultimo saluto all’artista: fiori, bigliettini, lettere ma purtroppo l’accesso al pubblico era stato chiuso in maniera anticipata. I familiari e gli amici hanno spiegato poiché volevano “prendersi il loro tempo” per stringersi attorno a Pino. Delusione tra i fan: “E’ una vergogna”. “C’è gente che ha fatto centinaia di chilometri”. L’obitorio del S.Eugenio oggi prevedeva l’apertura dalle 8,30 alle 12,30.

E questa sera a Napoli alle 20.45 migliaia di persone si ritroveranno in Piazza del Plebiscito per ricordare l’uomo, l’artista, Pino Daniele cantando “Napul’è” durante un flash mob organizzato dagli imprenditori napoletani Gigi Balsamo e Valerio Tremiterra. E’ bastato mettere un evento su facebook e in poco tempo sono giá previste 25 mila persone. Anche James Senese, Tullio de Piscopo ed Enzo Gragnaniello hanno annunciato la loro presenza. L’invito è di portare fiori e candele. C’é sempre chi prova a strumentalizzare sulle disgrazie e in questi casi é sempre difficile capire dove arriva la risposta genuina o dove arriva quella strumentalizzata.Speriamo sia solo un piccolo omaggio genuino e spontaneo ad un’artista che ha dato molto alla sua terra.

I funerali del cantautore si terranno mercoledì mattina alle 12 al Santuario del Divino Amore a Roma. Poi il cantante sarà sepolto in Toscana, nel cimitero di Talamone o in quello di Magliano, in Maremma ma é volontà di tutta la famiglia che Napoli possa dare un ultimo saluto a Pino. Per questo tutta la città di Napoli si è subito resa disponibile ad ospitare nei prossimi giorni le ceneri dell’artista in un suo luogo simbolo per ricevere l’ultimo abbraccio dalla sua gente. Pino Daniele avrebbe compiuto 60 anni il 19 marzo, è stato stroncato da un infarto la sera del 4 gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *