Gli Emirati Arabi Uniti portano l’acqua potabile a Gaza

acqua-potabile-Gaza

Sua Altezza lo Sceicco Mohammed Rashid Al Maktoum, Vice-Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Governatore di Dubai, ha incaricato la fondazione degli Emirati Arabi Uniti Suqia Water Aid di dare la massima priorità alla fornitura di acqua potabile agli abitanti di Gaza che stanno soffrendo una grave carenza di acqua a seguito dei bombardamenti israeliani, e ad agire rapidamente per garantire l’approvvigionamento idrico sufficiente, nonostante le enormi difficoltà a realizzare questo obiettivo per l’aggressione israeliana continua nella Striscia di Gaza.

Sheikh Mohammed ha ribadito il fermo impegno degli Emirati Arabi Uniti accanto al popolo palestinese nella loro giuste cause e la disponibilità piena per sostenere la popolazione di Gaza nel loro calvario. “La mancanza di risorse di acqua potabile costituisce una delle sfide più impegnative del popolo di Gaza”. “Pertanto, abbiamo incaricato la fondazione Water Aid di agire immediatamente per fornire ampie quantità di acqua, risorsa vitale per la popolazione in un modo da integrare gli sforzi enormi compiuti dagli Emirati Arabi Uniti in partnership con altre organizzazioni e agenzie internazionali specializzate nel trasporto dei soccorsi essenziali per la Striscia di Gaza nel quadro delle iniziative umanitarie urgenti “, ha detto lo sceicco Mohammed. Ha inoltre aggiunto, ”La fornitura di acqua potabile non è un lusso, ma è un dovere e se la consegna  in tempo di pace è data per scontata, è necessaria e indispensabile ora sotto i bombardamenti. Gli Emirati Arabi Uniti continuerà la sua campagna per fornire acqua a milioni di persone in tutto il mondo e a consegnare il messaggio di pace a tutti i popoli della terra.”

La Water Aid a Gaza è parte degli sforzi intensivi della campagna che UAE Suqia Water Aid sta facendo per fornire acqua potabile in diverse parti del mondo. Inoltre gli Emirati Arabi Uniti non sono impegnati solo nell’approvvigionamento d’acqua ma hanno già consegnato molti aiuti alimentari, vestiti, assistenza sanitaria e aiuti di ogni tipo per gli abitanti di Gaza che prendono riparo in scuole improvvisate in campi rifugio. Infatti Sheikh Mohammed ha recentemente  anche ordinato un ponte aereo per alleviare la popolazione.  Il ponte aereo ha fornito 150 tonnellate di aiuti umanitari al giorno da Dubai a Amman, da dove, poi, vengono trasportati a Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *