Hotel a Dubai: il Burj Al Arab

Hotel a Dubai: il Burj Al Arab

Burj al-Arab, in arabo: ﺏﺮﺝ ﺍﻟﻌﺮﺏ, ossia “Torre degli Arabi”, ossia “la vela“, uno degli hotel più lussuosi del mondo, con le sue 7 stelle (anche se la classificazione ufficiale gliene riconosce solo 5 – categoria lusso).

Situato a Dubai, sulla Jumeirah Beach, 15 km a sud del centro della città su un’isola artificiale collegata alla terraferma (dove prima nasceva il Chicago Beach Hotel, resort dalle cui ceneri sono nati il Burj Al Arab e il Jumeirah Hotel) da un ponte di 280 m, è caratterizzato dalla forma “a vela”, dando continuità allo spirito nautico già avviato dal vicino Jumeirah Beach Hotel e dal parco acquatico Wild Wadi, sempre del Jumeirah Group (proprietario anche delle Emirates Towers e di altri lussuosi hotel a Dubai, Londra, New York).

Architettura e design

Hotel a Dubai: la costruzione del Burj Al ArabLa costruzione di questo hotel è iniziata nel 1994 ed è terminata nel 1999: l’apertura ufficiale al pubblico è stata il 1 dicembre. Nella sua costruzione sono state coinvolte 3000 aziende, 250 designer e – nei momenti di picco – fino a 3500 operai contemporaneamente. La realizzazione della struttura dell’hotel ha richiesto 70 mila cubi di cemento, oltre 9 mila tonnellate di acciaio, 43 mila metri quadrati di pannelli di vetro, mentre la costruzione dell’isola artificiale su cui poggia ha richiesto 250 pilastri che scendono fino a 40 metri di profondità.

Oltre 30 tipi di marmi differenti sono stati usati per gli interni, curati in ogni dettaglio: oltre 10 mila metri quadrati sono stati usati nelle suite e nelle lobby, mentre altri 13 mila metri quadrati prendono luogo nelle aree pubbliche. Il marmo usato in alcuni punti, è lo stesso usato da Michelangelo per le sue sculture. Gli interni del Burj Al Arab sono altresì arricchiti dai circa 8 mila metri quadrati di foglie d’oro 22 carati e 28 mila luci.

Progettato dall’architetto  Tom Wright dello studio di architettura WS Atkins PLC e costruito dalla sudafricana Murray & Roberts in collaborazioen con la locale Al Habtoor Engineering, il Burj Al Arab è stato sponsorizzato da HH Sheikh Mohammed bin Rashid al Maktoum, che voleva un simbolo per la sua Dubai: qualcosa di analogo all’Opera House di Sidney, al Big Ben di Londra o alla Torre Eiffel di Parigi. E per anni è stato così; anche se forse oggi Dubai è più facilmente associato al Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo.

Con i suoi 321 metri di altezza (27 piani + un piano aggiuntivo per l’eliporto) è stato per anni l’hotel più alto del mondo (poi superato dall’hotel Rose Rayhaan di 11 metri, sempre a Dubai). Al suo interno si trovano 202 suite (non sono previste camere standard), disposte su uno o due piani, che misurano da un minimo di 170 mq fino a 780 mq, interamente vetrate, curate in ogni dettaglio di design e dotate di ogni comfort: dal letto king size al trasferimento in Rolls Royce dall’aeroporto di Dubai.

142        Suites Deluxe (1 stanza da letto)

18         Suites Panoramiche (1 stanza da letto)

4           Club Suites (1 stanza da letto)

28         Suites (2 stanze da letto)

6           Suites (3 stanze da letto)

2           Suites Presidenziali

2           Suites Reali

Le tariffe vanno da un minimo di 1,000 $ fino ai 28,000 $ a notte della Royal Suite, anche se in alcuni periodi ci sono offerte sensibilmente più basse. Gli ospiti dell’hotel hanno possibilità di godere di atmosfere senza eguali: dai giochi d’acqua che avvolgono l’enorme atrio (alto 180 metri), alle due pareti in vetro che limitano l’enorme acquario. Non è raro vedere dei sub all’opera per pulire i vetri e prendersi cura della fauna al suo interno.

Mentre ogni sera i fortunati passanti che transitano sulla Jumeirah Road o sulla Sheikh Zayed Road, hanno la possibilità di incantarsi con i giochi di luce prodotti dai fari posti sulle 4 torri situate davanti l’hotel. Il Burj Al Arab è diventato talmente un’icona di Dubai e ha un’architettura e un design talmente spettacolare che è possibile visitarlo come se fosse un museo. Senza una prenotazione però, non si riuscirebbe neanche ad attraversare il cancello di ingresso che fa accedere al ponte di collegamento con l’isola artificiale su cui l’hotel poggia: la sicurezza ha infatti il compito di far passare solo i clienti dell’hotel e dei ristoranti (questi ultimi a fronte dell’esibizione del numero di prenotazione) ovvero chi ha prenotato una visita guidata.

Andre Agassi e Roger Federer sull'eliporto del Burj Al Arab

Alcune curiosità sul Burj Al Arab: nel febbraio del 2005, a scopo pubblicitario, si è disputato un particolare incontro amichevole tra André Agassi e Roger Federer sul campo da tennis allestito per l’occasione sulla piattaforma dell’eliporto dell’albergo, all’altezza di 211 metri dal mare. Nel 2006 è stato interamente affittato da Naomi Campbell che lo ha utilizzato per la sua festa di compleanno.

L’esperienza del Burj Al Arab non si ferma a questo.. Bar, lobby e ristoranti arricchiscono l’atmosfera della struttura, per ospiti e visitatori esterni.

 

Al Muntaha – Sky View Restaurant: in arabo, “ultimo” o “il più alto” Al Muntaha è il ristorante sospeso a 200 metri sopra il livello del mare, che offre una vista unica della costa di Dubai, oltre a deliziosi piatti provenienti dalla cucina Europea.

Lo Sky View Bar offre altresì possibilità di godersi l’ora del thè in estremo relax, così come di un cocktail al tramonto o dopo cena, preparato da uno staff in grado di preparare cocktail personalizzati e di soddisfare qualsiasi esigenza e gusto. Gli ascensori panoramici che portano al ristorante viaggiano alla velocità di 6 metri al secondo.. conviene allacciare le cinture.

Nel ristorante Al Mahara (letteralmente “l’ostrica”) gli ospiti ritroveranno un vero e proprio paradiso della cucina a base di pesce e frutti di mare, oltre ad avere la possibilità di osservare da vicino la vita marina del Golfo grazie all’enorme acquario, oppure di cenare in uno dei tre esclusivi privé.

Junsui (parola giapponese traducibile con “puro”) è il nome del ristorante dove poter degustare specialità asiatiche provenienti da Giappone, Cina, Thailandia, Indonesia, Korea, preparate da uno staff di 45 chefs; si trova al piano ammezzato, ed include una lounge dove potersi deliziare con cocktail prima o dopo cena.

La  “Stanza da pranzo reale” Al Iwan – Sea View Restaurant è ubicata al centro dell’enorme atrio, vicino la lobby principale ed incorniciata dalle colonne d’oro. Tradizionali oggetti d’arte e decorazioni raffinate, ben accompagnano la più raffinata ospitalità araba. Ideale per un rendezvous in relax.

Bab Al Yam (la “porta del mare”) è in un’oasi verde, ubicata vicino la piscina esterna; offre un’atmosfera di pieno relax ed una tranquilla atmosfera, così come la possibilità di gustare un cocktail al bar della piscina.

Majlis Al Bahar – Beachfront Restaurant è il ristorante situato sulla spiaggia private del Burj Al Arab; specializzato in cucina mediterranea e medio-orientale, con particolare attenzione ai piatti freddi, adatti ad un consumo informale. Il bar adiacente consente di godere il tramonto sul golfo.

Servizi Hotel Burj Al Arab

  • Baby-sitter
  • Asilo e animazione per bambini
  • Asilo nido
  • Area giochi
  • Ascensore
  • Parrucchiere
  • Articoli da regalo
  • Negozi in hotel
  • Aria condizionata
  • Sala lavanderia
  • Giardino
  • Cambio valuta
  • Servizio in camera – 24 ore su 24
  • Servizio di pulizia scarpe
  • Servizio di lavanderia
  • Ombrelloni e lettini
  • Palestra
  • Piscina coperta
  • Piscina esterna
  • Biliardo / Snooker
  • Piscina per bambini
  • Spiaggia privata
  • Aerobica
  • Ristorante/gastronomia
  • Bar della piscina
  • Servizio di ritiro e riconsegna auto
  • Noleggio auto nell’hotel
  • Servizio navetta da e/o per l’aeroporto
  • Parcheggio gratuito
  • Servizio limousine
  • Servizio navetta
  • Sala conferenze
  • Sala riunioni
  • Giornali personali
  • Tour della città
  • Reception – cassaforte
  • Personale multilingua
  • Giornali
  • Reception – 24 ore su 24
  • Concierge
  • Deposito bagagli
  • Club salute
  • Servizio medico
  • Centro Spa/benessere
  • Massaggi
  • Sauna a vapore
  • Sauna
  • Connessione ad Internet/Servizio di posta elettronica

One thought on “Hotel a Dubai: il Burj Al Arab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *