Il primo astronauta degli Emirati Arabi nello spazio

Gli Emirati Arabi Uniti entrano in una nuova era e approdano nello spazio.

ll Mohammed bin Rashid Space Center (MBRSC) ha annunciato il successo del lancio della missione spaziale che trasporta il primo astronauta degli Emirati, Hazza Al Mansoori, a bordo del veicolo spaziale russo Soyuz MS-15. Questa è la prima missione degli Emirati Arabi Uniti presso la Stazione Spaziale Internazionale, dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan. Al Mansoori è accompagnato nella missione da Oleg Skripochka (russo) e Jessica Meir (americana). Grande emozione per HH Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum, principe ereditario di Dubai e presidente del centro spaziale emiratino, che ha assistito al lancio dal vivo, e ha dichiarato che il risultato è un promemoria del contributo storico degli Arabi alla conoscenza e alla scienza del mondo, che ancora oggi viene insegnato nelle più grandi università ed istituti scientifici. HH Sheikh Hamdan ha espresso i suoi migliori auguri all’astronauta Hazza Al Mansoori per il completamento della missione storica e degli esperimenti scientifici previsti.

La missione segna sicuramente l’inizio di una nuova era in cui gli Emirati Arabi Uniti stanno emergendo come attori importanti nel panorama scientifico globale. Il paese è pronto per entrare in una nuova fase di sviluppo scientifico avanzato che cerca di contribuire al futuro dell’umanità e migliorare la qualità della vita umana. Numerosi, infatti, i progetti emiratini in questa direzione, ennesima conferma di un paese che non vuole vivere di solo petrolio e che sa che presto non sarà il futuro.

Il successo di questo primo lancio spaziale rappresenta un grande traguardo per le nazioni arabe ed islamiche. Il risultato contribuisce a realizzare il sogno del padre della nazione, il defunto HH Sheikh Zayed bin Sultan Al Nahyan, e la visione della leadership di rendere il paese un protagonista nella costruzione del futuro del mondo.

Il programma spaziale UAE Astronaut è stato lanciato nell’aprile 2017 da HH lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Sovrano di Dubai e HH lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi e vice comandante supremo delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti, con l’obiettivo di addestrare i primi astronauti per varie missioni scientifiche nello spazio. 

Infatti è il primo programma interno integrato nella regione araba per preparare quadri nazionali a partecipare ai voli spaziali e svolgere varie missioni scientifiche internazionali.

Al programma hanno aderito in tutto 4.020 candidati. Il comitato, inizialmente, ne ha selezionati oltre 200 per poi ridurre il numero a 95. Questi sono stati sottoposti a test medici e psicologici condotti da esperti presso il centro medico Etihad Airways. Il 3 settembre 2018, gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato i nomi dei primi due astronauti degli Emirati, Hazzaa Al Mansoori e Sultan Al Neyadi.

Nel corso di un anno, gli astronauti hanno seguito oltre 90 corsi e oltre 1.400 ore di addestramento

I corsi di formazione sono stati condotti nell’ambito di accordi di partenariato internazionali con le principali agenzie spaziali, del mondo NASA, ESA, JAXA e Roscosmos a Mosca, Dubai, Houston e Colonia. emirati nello spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *