Articles Comments

Dubai, Emirati Arabi Uniti – hotel, informazioni, news, viaggi, investimenti e business travel » INFORMAZIONI su DUBAI ed EMIRATI ARABI » Costo della vita a Dubai

Costo della vita a Dubai

Costo della vita a Dubai.Se siete in procinto di trasferirvi a Dubai è importante avere alcune informazioni di base e capire cosa potete e cosa non potete permettervi di fare lì; in realtà ciò dovrebbe essere fatto ogni volta che si programma un trasferimento all’estero, a prescindere dalla meta. Se ad esempio siete abitutati a prendere il caffè al bar, pagandolo un euro o anche meno, tenete presente che a Dubai questa usanza rischia di costarvi molto di più. Perchè il caffè è legato alle catene tipo Starbuck’s o anche alle caffetterie, con costi quindi diversi. Inoltre il caffè “espresso” è considerato un piccolo lusso. Quindi preparatevi a pagarlo anche 3 o 4 euro: non è legato al fatto che Dubai è più cara, è una questione di impostazione differente.
Andare a mangiare una pizza o andare al ristorante italiano, a Dubai (come in molti posti stranieri) è considerata una cosa fashion, e quindi viene fatta pagare. Come in Italia può esserlo andare al ristorante giapponese (escludendo quelli di massa con formula All You Can Eat).

Dubai è attualmente al 89° posto nella classifica delle città più care al mondo dove vivere per un immigrato (fonte dell’informazione).
Quindi effettivamente Dubai non può essere considerata una città a basso costo per chi ci si vuole trasferire, ma va anche sfatata la falsa credenza che è una città solo per ricchi miliardari.

A differenza dell’Italia e di altri Paesi nel mondo, a Dubai e negli Emirati Arabi non c’è un salario minimo garantico, un minimo “sindacale”: bisogna essere pronti a trattare. Quando si cerca un lavoro andrebbe fissato un range di riferimento del proprio stipendio desiderato e di non cedere in fase di trattativa; sarebbe importante anche cercare di fare o almeno fissare dei colloqui prima di partire per Dubai, se non proprio avere un contratto (anche se la natura araba del Paese, con persone abituate al contatto personale, può rendere più difficili – ma non impossibili – le cose, soprattutto per determinati ruoli). Se la vostra famiglia rimane in Italia o nel vostro Paese di nascita, dovrete considerare anche le spese dei voli a Dubai per chi vi viene a trovare ovvero per quando volete tornare a casa da Dubai; spesso anche questo fa parte della trattativa di lavoro: alcune aziende assicurano uno o più voli da Dubai verso il proprio Paese per anno come benefit.
Una volta ottenuto il lavoro a Dubai, vanno considerati 3 fattori per determinare la qualità della vita a Dubai: costo di trasporti, alloggio e cibo.

Trasporti a Dubai

Dubai offre la possibilità di muoversi sia attraverso i mezzi pubblici (autobus, metropolitana e taxi), sia attraverso auto private.
Se gli autobus a Dubai (con costi del biglietto che vanno da 1 AED a 7 AED) sono in genere appannaggio delle classi sociali più basse, la metropolitana a Dubai (con costi del biglietto che vanno da 2 AED a 20 AED) è molto efficiente ma in genere vede lunghe distanze tra una fermata e l’altra (specie fuori dal distretto di Deira), quindi non sempre è possibile muoversi usando solo il treno. D’altro canto muoversi in taxi va bene se siamo lì per un periodo più o meno breve, ma non se intendiamo vivere lì.
Quanto costa un’auto a Dubai? Una piccola utilitaria nuova può variare in un range che va dai 40,000 AED ai 90,000 AED, mentre una 4×4 costerà tra i 90,000 AED e i 250,000 AED. Prezzi mediamente più economici dell’Europa (dell’Italia sicuramente), cui va aggiunto un minor costo della benzina, nessuna tassa di possesso e assicurazioni molto più economiche. C’è anche la possibilità di noleggiarla, con prezzi che partono dai 1000-1500 AED a salire.

Vivere a Dubai: costi degli alloggi
Ovviamente questa è la voce di costo che maggiormente incide. Ecco una media dei costi per varie tipologie di appartamento a Dubai:

Fitto mensile per uno Studio Apartment – da 2000 AED a 5000 AED.
Fitto mensile per un appartamento con una camera da letto – da 2500 AED a 7000 AED.
Fitto mensile per un appartamento con due camere da letto – da 3000 AED a 12,000 AED.
Fitto mensile per una Villa – da 6,500 AED a 25,000 AED

L’importo dipende dalla zona (fittare una casa a Deira sarà molto più economico che a Jumeirah; Sharjah sarà ancora più economica, da questo punto di vista, ma poi si dovrà fare i conti con l’idea di vivere in un emirato più integralista, dove la presenza europea è minima, e con il traffico nelle ore di punta da e verso Dubai, per la massa di persone che risiede a Sharjah e lavora a Dubai).
Comprare un’appartamento andrebbe preso in considerazione se avete intenzione di restare a Dubai per un numero significativo di anni, e in ogni caso ve lo consiglieremo in un secondo momento; anche qui i costi vanno dai 250,000 dirham per un appartamento con una camera da letto a Dubai International Village ai 20 milioni per una villa a Palm Jumeirah.
Le bollette di luce e acqua vanno dai 100 ai 600 AED al mese (per un appartamento di media grandezza), considerando anche il costo dell’elettricità per l’aria condizionata, che nei mesi caldi incide molto.

Mangiare a Dubai
Come al solito dipende da cosa si sceglie di mangiare. Partiamo dal presupposto che a Dubai si trova di tutto, che ci sono supermercati come Auchan, Carrefour, Lulu’s e così via, così com supermercati specializzati in prodotti per celiaci.
I prezzi sono più o meno in linea: ovviamente è tutto importato, quindi questo tende a far aumentare il costo, ma è ache vero che non si paga l’Iva, e questo compensa.
Cenare fuori può essere molto economico o molto costoso, dipende da cosa si cerca: un kebab a Deira lo si trova anche a 10 AED (circa 2 €), mentre magari un menu Kebab in Italia non lo si paga meno di 5-6 €.
Andare a mangiare in un buon ristorante italiano può costare invece molto, trattandosi di una cucina di nicchia, per il Paese, fino ad arrivare ai conti stratosferici dei locali in come il JustCavalli, specialmente se si inizia a ordinare champagne d’annata.
Noi per pranzare al ristorante giapponese del Burj Al Arab, abbiamo speso 70 € a persona. Non pochissimo, ma neanche tanto considerando il livello del luogo.
Gli alcolici (che possono essere trovati solo negli hotel) sono molto più costosi per ovvie ragioni.

Altri costi da tenere in considerazione in caso di trasferimento sono i costi dell’istruzione per i propri figli: da questo punto di vista Dubai è una delle più care al mondo, non essendoci scuole pubbliche. Scuole inglesi e americane hanno costi che vanno dai 5,000 AED ai 95,000 AED per anno; le scuole asiatiche hanno in genere costi più contenuti. Sebbene la maggior parte degli abitanti di Dubai e deli Paesi Arabi sia straniera, ebbene che i vostri figli (e voi) mettiate in conto di imparare almeno una base di arabo parlato, per familiarizzare con le persone del posto e con la cultura araba in generale.

Le spese di comunicazioni (tariffe telefoniche, connessione a internet, ecc..) è anch’essa più o meno in linea, sebbene ci siano molte offerte e promozioni periodiche che regalano minuti di conversazione, sms, ricariche doppie e così via. Spesso le chiamate fatte all’interno degli UAE sono gratuite e le chiamate internazionali sono molto più economiche che in altri Paesi (si parte dal presupposto che chi vive a Dubai abbia contatti con l’estero e quindi viene agevolato in questo). La media di spesa dipende dall’uso che si fa del telefono; un nostro collaboratore spese mediamente AED 100 al mese per il cellulare e AED 200 per la connessione a internet e il telefono fisso (costo medio stimato per mese della spesa telefonica a Dubai).

L’assistenza sanitaria a Dubai è al tempo stesso mediamente buona e mediamente costosa, basata sul sistema americano.
Un’assicurazione medica per se e per i familiari stretti è fondamentale.
Spesso viene fornita dal datore di lavoro (fa parte anche questo della trattativa).

Categorie: INFORMAZIONI su DUBAI ed EMIRATI ARABI · Tags: , , , ,

14 Responses to "Costo della vita a Dubai"

  1. maria.magdalna matei scrive:

    mi piace e mi sembra molto interesante come srile di vita vorrei un giorno lavorare la mi piacerebbe come wedding planner.

  2. maria.magdalna matei scrive:

    come costo di vita visto che si parla di Dubai mi sembra raggionevole diciamo che de una parte prezzi sono piu alti parlando degli ristoranti ma da un altra parte trovi la convenienza negli prezzi delle macchina degli affitti etc

  3. Pietro scrive:

    A Dubai ci vado e vengo da 10 anni circa. Da poco sono residente permanente qui a Dubai … la situazione attale ha riportato i prezzi in alto per tutto, dopo la breve felice bolla negativa degli ultimi 2 anni e l’entusiasmo di 8 anni fa.
    In generale la recensione è molto accurata, bel lavoro!

    Diciamo che per mangiare bene ma senza esagerare in un ristorate neppure dei migliori … non si esce con meno di 450Dhs a testa…ovvero circa 100euro al cambio attuale. Un brunch domenicale (ops…venerdì) in un posto carino viaggia sui 280Dhs. Si può sempre viaggiare bassi girando per locali “locali” (ovvero indi, paki, siri, etc) ma oltre un certo limite non si dovrebbe andare …perchè espatriare per vivere da bengalese? Dall’altro estremo l’expat “sborone” che pensa di fare la vita da superfigo in porsche perchè a Dubai si vive facilmente così …finiti quei tempi! Anche le aziende ha rimodulato i salari e le offerte, consapevoli che la situazione in Europa ha prodotto molte persone disposte a muoversi per meno. Dubai poi non è più “di frontiera” ma bene organizzata sul modello americano nella sua espressione più liberista.
    Ovviamente se si lavora qui diventa importante definire se essere pagati in DHS o USD o EUR … può fare la differenza nel lungo o breve periodo, dipende.
    Lo shopping oggi è più conveniente in Europa che a Dubai. La logistica dei beni di consumo è consolidata e senza neppure l’iva e tasse esagerate … i prezzi attuali sono solo speculazione.
    Dubai, come tutti i paesi del Golfo, è uno stato fiscalmente e commercialmente liberista, quindi tanto consumi tanto spendi. Per un single giovane è una pacchia, per chi ha intenzione di stabilirsi con famiglia & Co. deve essere consapevole che non esistono sistemi di supporto sociale ed i costi rendono sconveniente l’operazione a meno di non avere ingaggi molto molto buoni. A livello formativo, siamo sul modello americano, quindi potenzialmente scarso in contenuti efficaci e molto autoreferenziale con i pezzi di carta che produce.
    La sensazione in ogni caso è che in questo posto si sia sempre ospiti temporanei, mai cittadini o parte di una comunità. COnsapevoli di questo…si è già avanti nel decidere.
    Venire qui allo sbaraglio non è consigliabile, non più.

  4. ale scrive:

    salve sono ale volevo sapere se nell ambito fitness e wellness ci sono possibilità’ di lavoro grazie a tutti

  5. Nico de Corato scrive:

    Si tendenzialmente si. Abbiamo già supportato in passato personal trainer in cerca di lavoro a Dubai.
    Se di suo interesse mi contatti su admin@dubaiblog.it o attraverso il contact form

  6. Claudia scrive:

    Salve, ho 22 anni e sono al 2anno di lingue, studio inglese e arabo e pensavo di andare a Dubai per fare dei corsi di lingue intensivi. Mi hanno consigliato eton institute, ma vorrei sapere se si riesce a trovare qualche lavoretto per tirare avanti e iniziare a mettere delle basi per un futuro trasferimento. Io ho avuto esperienze come barista e cameriera. E vorrei sapere se è difficile trovare qualche posto anche come commessa o cose simili.
    Grazie in anticipo!

  7. Nico de Corato scrive:

    Salve Claudia, il problema principale è che per stare a Dubai bisogna avere un visto. E se un’azienda ti fa il visto ti prende in linea di massima full time, anche perchè è costretta a fornirti appartamento, assicurazione medica, ecc…. Non puoi “arrangiare la sera lavorando al bar del locale”.
    Oltreutto lavori come barman, commessa, ecc… sono in genere appannaggio di indiani, pakistani, filippini, ecc.. che vengono pagati molto di meno.
    Provare non costa nulla, ma impostala sul trovare un lavoro full time e nel tempo libero studi.

  8. monica scrive:

    salve, vorrei sapere se il mercato offre l’opportunità di aprire ancora ristoranti e quanto potrebbe costare
    marica

  9. simona scrive:

    Salve,

    vorrei sapere intorno a quale cifra si aggira il costo di un’assicurazione sanitaria con un buon massimale, per una persona + coniuge.

    Vorrei inoltre sapere se, con un visto lavoro, è possibile portare con sè, facendolo rientrare nel proprio visto, anche il/la compagno/a, pur non essendo sposati.

    Ultimo quesito: è molto complicato aprire un’attività in proprio, se non si è Emiratini?

    Grazie.

  10. Costa Vespoli scrive:

    Salve,mi occupo di nautica da diporto,in pratica ho fatto solo quello,volevo sapere come è la situazione a Dubai x chi come me è interessato a trovare lavoro come skypper su barche o yatch…ho tutti i requisiti patenti e specializazzioni varie.Mi piacerebbe avere risposte,grazie Costa

  11. Nico de Corato scrive:

    Le consiglierei di venire a fare un sopralluogo durante il Boat Show

  12. luigi scrive:

    Salve a tutti,
    in questo periodo stavo valutando la possibilità di spostarmi a Dubai per sfruttare la mia esperienza lavorativa che in Italia non trova sbocchi.
    Al momento sono supervisore alla sicurezza aeroportuale da poco meno di 10 anni, e vorrei capire se a Dubai riuscirei a trovare un qualche impiego simile.

    Grazie!

  13. Paolo scrive:

    Salve,
    sono Paolo, lavoro da molto tempo nel campo dell’insegnamento dell’italiano a stranieri, mi chiedevo se a Dubai fosse possibile trovare lavoro in questo settore.
    La vita in Italia sta diventando sempre più difficile ed è giunto il momento di fare nuove esperienze.

    Grazie
    Paolo

  14. annie scrive:

    ho avuto una proposta come lavoro. AED11K al mese + benefits cioè biglietto aereo A/R, apartamento, transportation, food allowance, assicurazione pagata e medical assistance. ma, ci vivo con quei soldi? qualcuno mi dice più e meno la paga base che potrei accettare trasferirmi in UAE? penso per AED20K ci si può stare! qualcuno mi dice qualche feedback? grazie

Lascia un Commento

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>