L’adozione a distanza

L’adozione a distanza. DubaiBlog promuove le iniziative di ActionAid

L’adozione a distanza. DubaiBlog promuove le iniziative di ActionAid

Il numero di orfani e ragazze-madri nel mondo arabo è drammaticamente aumentato negli ultimi anni a causa di guerre e scontri (la Primavera Araba ad esempio), disastri naturali e altre crisi. Non solo nel mondo arabo, ma in particolare nel Sud del mondo moltissimi bambini vivono in gravi condizioni di povertà ed emarginazione: non hanno accesso all’acqua potabile, al cibo, alle più elementari cure mediche e a un’istruzione di base.

Questo è il motivo che ha portato ad avviare la collaborazione tra DubaiBlog (sensibile verso queste iniziative) e ActionAid ONG (Organizzazione Non Governativa) ONLUS (Organizzazione non lucrativa di utilità sociale) internazionale presente in Italia da oltre 20 anni e che conta circa 150.000 sostenitori e, tramite l’adozione a distanza (in Asia, Africa e America Latina) lotta al fianco delle comunità più povere ed emarginate del mondo.

Per informazioni riguardo le altre iniziative di Actionaid e le aree in cui lavora, visitare il mini-sito in cui l’Associazione promuove l’adozione a distanza e il sito istituzionale dell’Associazione.

In Italia ActionAid ha sede a Milano e Roma, ma è presente sul territorio anche attraverso gruppi locali.

Dove lavora ActionAid con l’adozione a distanza

ActionAid Italia ha progetti a lungo termine in circa 200 zone di sviluppo in oltre 30 Paesi distribuiti tra Africa, Asia e America Latina, oltre 170.000 bambini, le loro famiglie e le loro comunità beneficiano del sostegno. Oltre all’adozione a distanza ActionAid ha avviato programmi di intervento e sviluppo a breve termine, per un importo totale di oltre 5 milioni di beneficiari indiretti e di 1,5 milioni diretti.

ActionAid agisce con un approccio basato sui diritti umani, che permette alle persone che vivono in povertà la possibilità di organizzarsi e mobilitarsi, per rivendicare condizioni di vita più giuste: Diritto al Cibo – Diritti delle Donne – Diritti all’Educazione – lotta contro l’ HIV/AIDS – Governance – Emergenze.

Con l’adozione a distanza l’aiuto raggiungerà un bambino, ma anche tutta la sua famiglia e la comunità in cui vive, aiutando a risolvere i problemi che causano la povertà in cui si trova a vivere.

Adozione a distanza: UN LEGAME UNICO E SPECIALE

Due mondi, due realtà lontane, ma un legame unico e forte. Attraverso la storia del bambino adottato a distanza si potrà conoscere anche quella del Paese in cui vive e sarà un’emozione seguirlo nella sua crescita e ricevere i messaggi e i disegni che farà solo per il proprio sostenitore che gli garantirà cibo, acqua, cure e istruzione.

Scopri cosa riceverai adottando a distanza un bambino

ecco la testimonianza di Annalisa – che ha adottato a distanza in India, Nigeria e Malawi

L’adozione a distanza. DubaiBlog promuove le iniziative di ActionAidSono sostenitrice di ActionAid da 11 anni e sono molto soddisfatta. Tramite le mie 3 adozioni a distanza di bambini in India, Nigeria e Malawi, ricevo sempre gli aggiornamenti relativi ai progetti che Actionaid promuove nelle loro comunità.

La cosa che apprezzo di Actionaid è soprattutto l’impegno nel supportare le persone affinché diventino autonome e utili per le comunità in cui vivono. I bambini vengono aiutati a frequentare la scuola per avere un’istruzione, crescere e realizzare le loro aspirazioni. Le donne vengono informate nella presa di coscienza dei loro diritti e sostenute concretamente nell’avviare attività lavorative. In questo modo mi sembra che il piccolo contributo economico che posso permettermi di dare abbia un valore, non solo per la loro sussistenza, ma soprattutto per la loro realizzazione come persone che hanno tutto il diritto di vivere appieno la loro vita.

One thought on “L’adozione a distanza

  • 27 Marzo 2012 at 10:31
    Permalink

    Bellissima iniziativa… Una collaborazione che dovrebbe essere d’esempio! Spero davvero che tali diffusioni in rete contribuiscano alla felicità di un numero sempre maggiore di bambini meno fortunati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *