La discussione sulla carne rossa arriva anche negli Emirati Arabi Uniti

Gli Emirati Arabi Uniti si interrogano dopo le polemiche sulle dichiarazioni dell’organizzazione mondiale della sanità sulla carne rossa e le carni sostanzialmente lavorate che aumentano le probabilità del rischio di cancro al pari del fumo del tabacco. Una presa di posizione forte dopo che da anni molti parlano dei possibili problemi che il consumo di carne può causare. La cultura fast-food negli Emirati Arabi Uniti sta aumentando e ci potrebbero essere dei pericoli soprattutto per i bambini che affollano sempre più i fast food emiratini.

Dr. Norbert Dreier, consulente oncologo presso il Burjeel Hospital, afferma: “Vedo molti giovani che qui sono abituati a mangiare fast food dalla giovane età. Si inizia presto e sono pronti a continuare in questa direzione”.

È difficile educare i giovani ad una corretta alimentazione tuttavia le persone non dovrebbero evitare del tutto la carne rossa.

“La maggior parte delle donne che visito sono anemiche e hanno bisogno di mangiare carne rossa, perché contiene molto ferro”, ha continuato il medico.

La dieta araba è ottima per una corretta alimentazione ma stanno aumentando i dati sulle malattie intestinali, proprio perché ci si sta muovendo verso uno stile occidentale delle abitudini alimentari.

I fast food sono molto comuni per bambini e ragazzi anche perché é un cibo facilmente accessibile e poco costoso. I bambini, poi, si adattano all’esempio imposto dai genitori. Se i genitori sono amanti della carne, i bambini saranno maggiormente orientati a mangiarne in grossa quantità.

La chiave sta nella moderazione. È importante informare che mangiare la carne rossa in grosse quantità può portare dei grossi rischi e sicuramente le persone dovrebbe evitare quella preparata con conservanti ma non dovrebbero smettere completamente di mangiare carne rossa e i bambini ne hanno bisogno per la loro crescita.

Secondo lo studio dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, ogni porzione di 50 g di carne lavorata mangiata ogni giorno aumenta il rischio di cancro al colon-retto di circa il 18 per cento. Le più recenti stime del Global Burden of Disease, un’organizzazione indipendente di ricerca accademica, suggeriscono che circa 34.000 decessi per cancro ogni anno in tutto il mondo possono essere attribuiti ad alimentazione ricca di carni lavorate.

Stime significative anche se ancora piccole rispetto alle conseguenze del fumo e dell’alcool. Infatti ogni anno, il fumo di tabacco provoca circa 1 milione di morti per cancro e il consumo di alcol circa 600.000 morti.carne rossa rischio cancro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *