La pasta conquista Dubai e gli Emirati Arabi

La pasta sta conquistando Dubai e gli Emirati Arabi Uniti. Grazie alla facilità di aprire un’azienda a Dubai, sempre più imprese del cibo made in Italy stanno puntando al mercato emiratino.

Gli Emirati Arabi sono un mercato strategico per il food italiano. La pasta è il principale alimento importato dai paesi arabi, dopo formaggi e olio d’oliva e tale processo di export ha registrato un incremento del 30% nel 2015. Incremento che ancora oggi continua a non arrestarsi.

La domanda di prodotti alimentari, inoltre, risulta in continua crescita anche grazie all’espansione del turismo (oltre 600 alberghi già esistenti, diventeranno 750 in vista di Expo 2020). Su questo scenario, Barilla, la grande azienda italiana di pasta, ha messo gli occhi da tempo. L’azienda ha stretto un accordo con il Gruppo Al Futtaim ed é atterrata a Dubai.

Dopo il successo ottenuto dal brand italiano negli Stati Uniti, punta al Medio Oriente. Sono due, per l’esattezza, i ristoranti marchiati Barilla aperti di recente a Dubai e negli Emirati Arabi Uniti, e che faranno da base per altre aperture in Medio Oriente, grazie all’accordo con Al Futtaim.

“Il nostro approdo in Medio Oriente rappresenta un piano di crescita in un’area che si sta interessando sempre più ai consumi di pasta e alla cucina italiana di qualità”, afferma Luca Barilla, vicepresidente del Gruppo. L’obiettivo di lungo termine è costruire una catena di ristoranti dove le persone possano avvicinarsi alla dieta mediterranea mangiando piatti italiani di qualità come pasta, pizza, panini e insalate al giusto prezzo in un ambiente familiare”.

Il mercato della pasta e del cibo made in Italy é in continua ascesa e grazie all’arrivo dell’Expo 2020 potranno solo che aumentare le richieste e l’attenzione per un settore che rappresenta una delle eccellenze del nostro territorio. pasta conquista dubai emirati arabi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *