Le virtù segrete del mango

Il mango è una pianta originaria dell’Asia. Questo frutto dalla forma allungata e ovale, la buccia che varia dal rosso al verde e dal peso che arriva alcune volte a un kg, è sempre reperibile e viene coltivato nella maggior parte dei paesi tropicali. Nei paesi del golfo è coltivato soprattutto nello Yemen ma anche negli EAU. E’ ricco di antiossidanti che proteggono le mucose dei bronchi, tonificando pelle e respiro, ma anche i reni.

Fresco, gustoso e nutriente, ma anche curativo. Il mango è un frutto provvidenziale per i paesi caldi.
Il suo sapore è particolare, che può ricordare un mix fra pesca, arancio e ananas.
Questo gradevole frutto esotico contiene molte sostanze utili al nostro organismo.

Il mango è ricchissimo di vitamina A e C ed è pertanto che un formidabile agente di protezione per l’organismo e in particolare per la respirazione e i bronchi.
La vitamina C aumenta la resistenza delle cellule agli attacchi esterni e la vitamina A aiuta a mantenere integre le mucose dell’apparato respiratorio. Consumare regolarmente mango aiuta il corpo ad avere un miglior ricambio cellulare.
Le vitamine B riescono a dare un grande contributo ai capelli. Non dimentichiamoci poi che migliora l’assorbimento del ferro e riesce ad alzare le naturali difese protettive del corpo.

Il mango è anche un frutto energizzante, poiché contiene, oltre alle vitamine, anche oligominerali: potassio, zolfo e magnesio, utili per combattere  la stanchezza. Per questo motivo è indicato come ricostituente in caso di convalescenza o di debolezza fisica.  Grazie alle fibre contenute, ha anche proprietà leggermente lassative e diuretiche e per questo è un alimento adatto per chi ha problemi di stitichezza e di ritenzione idrica. Aiuta quindi a smaltire le ritenzioni e a purificare l’organismo.

Il mango, proprio grazie al Lupeol, è conosciuto per le sue proprietà antitumorali. Questo principio nutritivo però, si rivela anche molto potente contro le malattie cardiache ed è un ottimo rimedio naturale contro il processo dell’invecchiamento.

Il mango quando arriva a piena maturazione non assume un colore specifico. Dovremo quindi tastare con le dita il frutto per sentire la polpa. Se il dito sprofonda, vuol dire che è maturo.
L’ideale è comprarlo proprio maturo e consumarlo entro poco. Se si acquista molto acerbo e lo si fa maturare in casa, perderà automaticamente molte delle sue proprietà.

Nei climi particolarmente caldi è ideale gustare il mango attraverso un frullato fresco e saporito da consumare fuori pasto per assimilarlo meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *