Nuova legge sul lavoro negli Emirati Arabi Uniti

Gli Emirati Arabi Uniti si propone di applicare una nuova legge sul lavoro, all’inizio del 2016 per regolamentare meglio il rapporto tra datori di lavoro e lavoratori e limitare le violazioni al fine di garantire ad entrambe le parti,  i loro diritti. Non sono i rari, infatti, i casi dove entrambe le parti hanno lamentato in questi anni mancanza di diritti e penalizzazioni. 

La nuova legge provvederà a regolamentare questo rapporto e prevede tre regole principali in materia di contratti di lavoro per i lavoratori stranieri, la risoluzione del contratto tra i datori di lavoro e lavoratori e il rilascio di un nuovo permesso di lavoro ad un lavoratore residente. “Queste regole aprono il mercato del lavoro ad una nuova fase basata su un rapporto forte ed equilibrato tra tutte le parti e in accordo e la trasparenza in ambito contrattuale per garantire i diritti di tutte le parti “, ha detto il ministro del Lavoro Saqr Gobash.

La prima regola nella legge richiede che il datore di lavoro rilasci un contratto “chiaro e dettagliato” per i lavoratori stranieri compresi tutti i diritti e doveri per le due parti, i termini di posti di lavoro e gli altri requisiti in una lingua comprensibile per il lavoratore. Il contratto deve essere firmato dal lavoratore prima di essere sottoposta al ministero del lavoro per il rilascio del permesso di lavoro che non può essere modificato in qualsiasi momento. Le stesse misure si applicano ai lavoratori che risiedono negli Emirati Arabi. In questo caso, il datore di lavoro deve anche ottenere la firma del lavoratore.

La seconda regola riguarda la rescissione del contratto e prevede un accordo tra datore di lavoro e il lavoratore per porre fine al loro contratto. Il datore di lavoro può anche decidere di recedere dal contratto prima della scadenza. In questo caso, il datore di lavoro deve dare almeno un preavviso di un mese per il lavoratore e pagare il lavoratore ogni imposta  entro quel periodo. Il periodo di preavviso, inoltre, non deve essere superiore a tre mesi e deve essere accettato da entrambe le parti

La nuova regola disciplina anche i casi in cui il datore di lavoro o il lavoratore recede dal contratto senza rispettare le procedure legali.

Un altro caso riguarda la decisione del datore di lavoro di recedere il contratto perché il lavoratore ha commesso reati come insulti o aggressione.

Per contratti dove non c’é una specifica, il datore di lavoro che intende recedere il contratto di un lavoratore deve anche dare un preavviso non inferiore ad un mese e non superiore a tre mesi. In tutti i casi di terminazione del contratto, ciascuna parte ha il diritto di andare in tribunale per chiedere il risarcimento e qualsiasi altro diritto. Secondo la nuova regola, il contratto di lavoro è considerato nullo se il datore di lavoro si trova ad aver violato la legge tra cui il mancato pagamento al lavoratore. Nel caso in cui un lavoratore non potrebbe iniziare il suo lavoro a causa della chiusura della società, il ministero del lavoro invierà ispettori per controllare lo stato della società prima di adottare una decisione entro due mesi.

Altra regola permette il rilascio di un nuovo permesso di lavoro nei casi in cui il datore di lavoro si trova di aver violato i suoi impegni, compreso il mancato pagamento dei lavoratori per due mesi, oppure un reclamo da parte del lavoratore che non è in grado di iniziare il suo lavoro a causa della chiusura dell’azienda, o una controversia di lavoro in atto. nuove regole lavoro emirati arabi uniti

One thought on “Nuova legge sul lavoro negli Emirati Arabi Uniti

  • 19 Aprile 2017 at 16:23
    Permalink

    salve , io mi trovo in una situazine insolita, la societa, un resort mi ha chiamato per un lavoro di due anni con contratto e tutto, dopo tre mesi di lavoro , la societa decide di chiudere il ristorante per tre mesi e poi riaprire a settembre devidendo di non pagare nessuno per questi tre mesi, e legale? io nel contatto ho un lavoro dove devo essere pagato mensilmente , alloggio, e alcuni benefit, come mi devo comportare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *