Paola Zannoni espone di nuovo a Dubai

Quadro di Paola Zannoni per la mostraPaola Zannoni, pittrice e artista italiana, di Venturina (Livorno), espone di nuovo a Dubai. Stavolta in occasione di una collettiva organizzata dalla dott.ssa Gina Affinito dal suggestivo nome Italian Soul, presso il ristorante italiano Don Alfonso (all’interno dell’ hotel Shangri La, lungo la Sheikh Zayed Road).

Seguiamo con orgoglio Paola da diversi anni (oltre 5), dai primi passi in terra emiratina, fino alle più recenti esposizioni. E dopo tanti anni una meravigliosa sorpresa ha rallegrato una nostra giornata: abbiamo incontrato Paola a Lucca, dove eravamo in occasione del Lucca Comics & Games 2014, per prendere alcuni spunti per il Comicon di Dubai, di cui siamo media partner.

Paola Zannoni ci è venuta a trovare e in tale occasione ci ha mostrato le foto del quadro che sarà esposto a Dubai il prossimo Dicembre e ci ha rilasciato una dichiarazione:

Sono orgogliosa, commossa e grata nei confronti della dott.ssa Gina Affinito, per avermi proposto di partecipare alla mostra di pittura “Italian Soul” approvata e supportata dal Consolato Italiano di Dubai, dall’Ambasciata Italiana di Abu Dhabi, dalla Camera di Commercio e dallo staff del pregiato ristorante Don Alfonso, di recente apertura a Dubai. Mi ha fatto piacere questa proposta in quanto ho avuto l’opportunità e la fortuna di visitare nel 2011 la città di Dubai, in occasione di uno dei concorsi a cui ho preso parte in terra emiratina, a Sharjah per la precisione.
Avevo sentito parlare di questo luogo come di un angolo di terra magica, da favola, e non mi sarei mai aspettata di poter apprezzare di persona tale città. Poter creare un dipinto di “dorata” realtà che mi ricordi l’esperienza vissuta, mi ha dato immensa gioia; il soggetto di tale dipinto è il Burj Al Arab, lo straordinario super hotel a forma di vela, costruito su un’isola artificiale, che in maniera preponderante mi è balzato in mente dovendo pensare a un simbolo di Dubai.
Paola Zannoni e Nico de Corato al Lucca Comics & Games 2014Ho rappresetato l’hotel come una vela che appare dal verde di una vegetazione quasi irreale, astratta, dal momento che la base dell’edificio stesso (nella realtà) sembra poggiare sull’acqua.

Circondata da onde indefinibili per colore e dimensione, onde fantastiche, forse rappresentative dell’uomo a confronto di una sua creazione così gigantesca, misteriosa, quasi irragiungibile, a testimonianza della grandezza del genio UMANO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *