Shaikh Mohammad riceve due funzionari delle Nazioni Unite

funzionari-Onu-DubaiSua Altezza Shaikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Governatore di Dubai, ha accolto con favore Giovedí sera, una delegazione delle Nazioni Unite guidata da António Guterres, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, e Pierre Krenpol, Commissario dell’ONU per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA).

Shaikh Mohammad ha scambiato colloqui con i due funzionari delle Nazioni Unite sulla situazione dei profughi nelle zone di conflitto e dei rifugiati nella Striscia di Gaza, Siria, e l’Iraq in particolare. Egli ha anche discusso le modalità per fornire sostegno e aiuto a queste persone e come fornire aiuti umanitari, in particolare aiuti medici e alimentari per i bisognosi, senza ostacoli o impedimenti. Shaikh Mohammad ha elogiato il ruolo delle agenzie delle Nazioni Unite e le organizzazioni umanitarie, in particolare l’UNRWA, che assume le funzioni di fornitura degli aiuti, nonostante tutte le difficoltà logistiche incontrate nello svolgimento del loro dovere umanitario e morale. In questo contesto ha sottolineato che il governo degli Emirati Arabi Uniti, le istituzioni, e le persone sono coinvolte nel dare tutte le forme di sostegno possibili e di assistenza alle organizzazioni e agli organismi internazionali per aiutarli nel compiere il loro ruolo pienamente soprattutto per i profughi palestinesi, siriani e iracheni, ma anche per gli altri rifugiati di tutto il mondo. Guterres, e Krenpol hanno anche espresso elogi per gli aiuti umanitari degli Emirati Arabi Uniti a vari livelli, sia in termini di quantità di aiuti, nella velocità di risposta alle chiamate internazionali e nella consegna tempestiva degli aiuti alle zone colpite per alleviare le sofferenze dei rifugiati, soprattutto i bambini, i malati, gli anziani e i feriti. Essi hanno inoltre rilevato che l’assistenza fornita dagli Emirati Arabi Uniti per i rifugiati, soprattutto in Siria e Giordania, è pari a quasi 360 milioni di dollari.

Alla riunione hanno partecipato anche Shaikha Lubna Al Qasimi, Ministro dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, Mohammad Bin Abdullah Al Gergawi, Ministro degli Affari di Gabinetto, e Reem Al Hashemi, Ministro di Stato, e altri alti funzionari.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *