Solidarietà a Yoani Sanchez

Yoani Sánchez (L’Avana, 4 settembre 1975) è una giornalista cubana, laureata in filologia nel 2000 alla Università de L’Avana, creatrice e autrice del blog Generación Y (che le ha dato fama internazionale) dove pubblica regolarmente cronache di vita cubana, caratterizzate da un tono spicattamente critico sul governo. Non a caso il suo blog è  interdetto agli abitanti dell’isola dalla censura ufficiale ed le sue pagine sono spesso oggetto di attacchi informatici e commenti mirati a screditare il lavoro della giornalista (presumibilmente gli attacchi sono esseguiti da incaricati del governo cubano).

Yoani Sánchez è spesso perseguitata dai mezzi di repressione ufficiali cubani; il 6 novembre è stata sequestrata e percossa da agenti di sicurezza de L’Avana, con l’accusa di essere una contro-rivoluzionaria, con l’intento di impedire la sua presenza ad una manifestazione contro la violenza. La stessa Yoani Sánchez ha denunciato l’accaduto dopo il rilascio.

In Italia, i suoi articoli sono pubblicati dalla rivista Internazionale e dal quotidiano La Stampa; il suo blog è pubblicato sul sito www.lastampa.it/generaciony, tradotto da Gordiano Lupi, autore, curatore e traduttore anche di Cuba Libre (ed. Rizzoli): una raccolta di post tratti da Generación Y .

Per il suo blog ha ricevuto il Premio Ortega y Gasset istituito dal quotidiano spagnolo El País, ed è stata selezionata dalla rivista Time come una delle 100 persone più influenti del 2008, mentre il 27 Novembre 2008, la televisone tedesca Deutsche Welle le ha assegnato il premio The Bobs 2008 come Miglior Blog Internazionale.

Lo stesso Fidel Castro ha attaccato Yoani, pur senza riferirsi esplicitamente a lei: il 4 giugno 2008, infatti, firmò un prologo del libro “Fidel, Bolivia y Algo Más”, ricevuto da Evo Morales, Presidente de Bolivia; in questo prologo, Fidel cita varie fasi del blog di Yoani e parla di una “giovane cubana”, accusandola apertamente di non essere in linea con le strategie governative e riferndosi altresì al premio Ortega y Gasset ricevuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *