Storytel Arabia: i primi audiolibri anche in Medio Oriente

Nel 2005 due uomini d’affari, uno che viveva in Svezia e il secondo in Svizzera, che non avevano mai affrontato investimenti nel settore dei libri, ebbero la brillante idea di aprire un’azienda che si occupava di audiolibri e libri elettronici, chiamata BOKilUr. Nell’anno 2007 il nome dell’azienda è stato cambiato in Storytel.

Storytel è entrato nel mercato azionario in seguito alla fusione con Massolit Förlagsgrupp nel 2015. Il nuovo business ha avuto successo, con una capitalizzazione di oltre 100 milioni di dollari.

Il Gruppo Storytel oggi si concentra su due importanti settori: Streaming e Publishing Streaming, un servizio basato su abbonamento, offre audiolibri ed e-book sotto il marchio Storytel, mentre le case editrici Norstedts Förlagsgrupp (SE), People’s Press (DK), Rubinstein (Olanda) e Storytel Publishing (Global) operano nell’ambito dell’attività editoriale.

Storytel offre una piattaforma che consente agli autori di condividere i loro audiolibri per una vasta gamma di destinatari. Inoltre, la combinazione di servizi di streaming e di pubblicazione consente agli autori di pubblicare audiolibri tramite partnership con case editrici come Storyside in Svezia e Rubisnstein in Olanda.

Il gruppo è entrato nel fertile mercato del Medio Oriente che ha un alto tasso di penetrazione degli smartphone nel mondo, un facile accesso ai pagamenti online e ottimi servizi di abbonamento online di video e musica. 

Storytel Arabia ha introdotto più di 600 titoli di Arabo in audio per la prima volta, con oltre 5.000 ore di ascolto, facendo fare un grande passo avanti all’industria araba dell’audiolibro.

La società intende raggiungere 1000 titoli entro la fine del 2018 e creare audiolibri in lingua locale laddove possibile, promuovendo la lingua e la letteratura araba .
Storytel Arabia è inoltre il primo servizio di abbonamento di audiolibri nella regione del Medio Oriente che offre audiolibri sia in arabo che in inglese. La società è anche creatrice di contenuti originali di audiolibri, con accesso diretto ad autori ed editori.

Storytel sta avendo un grosso seguito negli Emirati Arabi anche sfruttando il fatto che l’industria dell’audiolibro arabo è molto fertile: ci sono ancora pochissimi titoli di audiolibri arabi prodotti professionalmente ma il mercato anche grazie al contributo di Storytel, sta crescendo in maniera esponenziale.

Inoltre la società punta al mercato dei social media, alcuni dei quali (come YouTube) sono molto influenti negli Emirati Arabi, attraverso collaborazioni di successo con influencer di primo piano.

Gli influencer diventeranno ambasciatori con profili di nicchia e ben posizionati.

Il segmento degli audiolibri è uno dei settori in più rapida crescita del settore dell’editoria digitale secondo gli analisti del settore. Nel 2017, la Audio Publishers Association ha registrato vendite per 2,5 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti.storytel arabia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *