Il segreto bancario a Dubai

A Dubai il 16 Febbraio 2002 è stato lanciato da Sua Altezza Sheikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, attualre reggente di Dubai, Primo Ministro, Vice Presidente e Ministro della Difesa degli E.A.U. il Difc (Dubai International Financial center): 50 ettari di zona franca con esenzione dal pagamento di imposte dirette per le imprese e i dipendenti fino a 50 anni e tutela del segreto bancario.

Il Dubai International Financial Centre DIFC – Centro Finanziario Internazionale di Dubai è una Zona Franca Finanziaria.

Dubai, ricordiamolo, non rientra nella lista dei paesi considerati pienamente virtuosi a fini antiriciclaggio. Ciò significa che la banca o il professionista italiano che vorrà effettuare operazioni finanziarie in tali paesi (ricevendo ad esempio dei pagamenti, o aprendo dei conti le cui movimentazioni transiteranno poi in Italia), sarà sottoposto, ai fini della normativa antiriciclaggio, ad un’adeguata verifica e raccolta di dettagliate informazioni e dati, con conseguente deroga e superamento del segreto bancario.

Read more

Il Dubai International Financial Centre DIFC – Centro Finanziario Internazionale di Dubai (Zona Franca Finanziaria) e la crisi di Dubai

dubai-international-financial-center-difc-difx-insurance

L’iniziativa Dubai International Financial Centre (DIFC) è stata lanciata il 16 Febbraio 2002 per volontà di H.H. Sheikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, Ruler di Dubai, Primo Ministro, Vice Presidente e Ministro della Difesa degli Emirati Arabi Uniti.

Negli ultimi giorni i listini di borsa di tutto il mondo hanno tremato alla notizia che Dubai World, il fondo d’investimento sovrano del governo di Dubai è a rischio default, con un bilancio zavorrato da un debito di 59 miliardi di dollari. Il fondo dell’Emirato ha chiesto ai creditori di congelare i pagamenti per sei mesi.

A seguito di questo evento il DIFC è stato costretto a rimborsare aziende che avevano anticipato soldi per aprire sedi presso questa struttura e che hanno ritirato la candidatura.

Read more