Turismo a Dubai: grande aumento dopo la nuova politica dei visti

La decisione del governo degli Emirati Arabi Uniti di dare la  possibilità di ottenere il visto di ingresso direttamente in aeroporto ai visitatori cinesi e russi ha scatenato un enorme afflusso di turisti a Dubai, con gli albergatori che segnalano un quasi tutto esaurito.

Si vuole dare nuovo impulso al settore turistico grazie anche alla spinta di Expo 2020. Per maggiori informazioni turistiche è possibile scaricare la Guida Turistica Gratuita di Dubai ed Emirati Arabi.

Durante i primi tre mesi dell’anno, gli alberghi in tutto l’emirato hanno registrato un livello di occupazione del 86,3 per cento, con un incremento del 2,7 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L’aumento delle prenotazioni è stato più sensibile per proprietà a prezzi accessibili che in eleganti alberghi, di fascia alta. La cifra è elevata, se si considera che Dubai ha una enorme riserva di camere d’albergo e altre proprietà che sono costantemente in funzione.

Tuttavia, il costo medio di stanze per la notte è sceso del 6,4 per cento a Dh 795, mentre il ricavo per camera disponibile é in discesa negli ultimi anni ed è sceso del 3,9 per cento a Dh 686. Dubai sta diventando più economica. Questi dicono i dati e ci si sta preparando per accogliere tutti tipi di turisti non solo quelli top.

Quindi la forte domanda è apparentemente guidata dalle politiche dei visti recenti emessi dal governo degli Emirati Arabi Uniti mentre Dubai continua ad aggiungere nuove attrazioni, e nuovi servizi, ampliando cosí la gamma del mercato di potenziali visitatori, che può solo aiutare a stimolare la domanda e la redditività delle strutture ricettive.

Molti, come detto, vengono dalla Russia. Con un decreto di qualche mese fa, che ha concesso i visti in arrivo per i viaggiatori provenienti dalla Russia, si é aperto un mercato forte per l’industria alberghiera. Spesso i russi viaggiatori sono persone con buon portafogli e a cui piace il lusso. Negli ultimi due anni, gli Emirati Arabi Uniti ha accolto 600.000 visitatori russi e il numero è previsto in crescita.

Un decreto simile è stato emesso dal governo nel 2016, per i turisti cinesi.

Si é registrato un incremento del 20 per cento sugli arrivi dalla Cina e ci si sta attrezzando per raggiungere la soglia dei 20 milioni di visitatori annui già entro il 2019.

E anche per l’anno 2016, l’Italia, comunque, si è classificata tra le top 20 per arrivi con oltre 204mila visitatori italiani su di un totale di 14,9 milioni di turisti registrati a Dubai nel corso di tutto l’anno.

Ci sono quindi grandi prospettive anche al livello di occupazione vista la crescita poderosa dell’offerta turistica.

Il mercato deve affrontare diverse sfide nei prossimi anni cercando di mantenere un livello di domanda che può compensare una parte di questa crescita dell’offerta. Sicuramente Dubai continua ad attrarre grazie alle notevoli attività per il tempo libero, che la rendono uno dei mercati più forti del settore.turismo dubai alberghi crescita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *