Turismo Dubai, l’occasione della svolta

turismo dubai occasione svoltaIl turismo di Dubai e degli Emirati Arabi Uniti è vicino ad una svolta e si cercherà di sfruttare al massimo l’occasione dell’Expo 2020. Sensazioni e dati incoraggianti sono giunti dalla 22° edizione del Arabian Travel Market (ATM), la fiera sui viaggi e turismo più grande della regione, che si è conclusa Giovedi presso il Dubai International Convention and Exhibition Centre. L’evento di quattro giorni ha attirato più di 23.000 visitatori durante tutti e quattro giorni di fiera, secondo Reed Exhibitions, l’organizzatore di ATM. Presenti 2.700 espositori, con 113 nuove aziende espositrici per la prima volta, così come 70 padiglioni nazionali.

Il numero delle imprese europee è cresciuto del 12,5 per cento quest’anno rispetto all’edizione 2014 mentre il numero delle aziende degli Emirati Arabi Uniti è aumentato del 6 per cento, secondo Reed Exhibitions. I nuovi paesi che hanno aderito all’esposizione di quest’anno sono stati la Serbia, Slovacchia e Croazia. La dimensione della manifestazione è cresciuta complessivamente del 7 per cento quest’anno. All’inizio di questa settimana, Issam Abdul Rahim Kazim, direttore generale di Turismo, Commercio e Marketing di Dubai Corporation (DCTCM), ha detto che ATM è stato un evento importante e strategico per l’obiettivo di Dubai di attirare 20 milioni di visitatori all’anno entro il 2020. Nel 2014 Dubai ha accolto 13,2 milioni di turisti. Hanno partecipato a questa edizione anche molte catene alberghiere come il Jumeirah, Movenpick, Starwood Hotels and Resorts, Hilton Worldwide, InterContinental Hotels Group, Accor, Marriott e Rotana e anche tante compagnie aeree tra cui Emirates e Etihad Airways. Molte società hanno annunciato novità e hanno svelato le prossime mosse imprenditoriali durante la fiera: Emaar Hospitality Group, di Emaar Properties, per esempio, ha dichiarato che aprirà propri hotel in Nigeria e in Bahrain entro il 2018, Starwood Hotels and Resorts Worldwide ha annunciato che aprirà un hotel Aloft in Dubai World Central entro il 2018 e Al Habtoor Group ha firmato un accordo con The Ritz-Carlton per la gestione di un albergo a Budapest in Ungheria.

Anche le compagnie aeree hanno annunciato nuove rotte: la Qatar Airways ha stipulato una joint venture con Royal Air Maroc per la rotta Doha-Casablanca, annunciando inoltre voli giornalieri Doha-Ras Al Khaimah da ottobre.

One thought on “Turismo Dubai, l’occasione della svolta

  • 29 Maggio 2015 at 10:14
    Permalink

    sto cercando lavoro con voi con lingue araba e italiana . aspetto la vostra risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *