Cresce il turismo del benessere a Dubai

Cresce turismo benessere dubaiA Dubai il turismo ‘Wellness’ dedicato al benessere è destinato a crescere di oltre il 9 per cento l’anno entro il 2017, quasi il 50 per cento più veloce del turismo globale complessivo. I viaggi dedicati al benessere rappresentano il sei per cento di tutti i viaggi nazionali e internazionali e il 14 per cento di tutte le spese del turismo nazionale e internazionale. “L’invecchiamento della popolazione, un allarmante aumento delle malattie croniche e uno stile di vita malsano, in mancanza di sistema sanitario con l’aumento dei costi, e lo stress associato sono tutte le tendenze e sollecitazioni che stanno guidando la forte richiesta di un’esperienza di benessere”, ha detto Anni Hood, direttore del Wellness  Tourism al Global Institute Wellness. La dimensione economica dell’industria benessere è stata stimata a 3.400 miliardi dollari nel 2013.

L’industria del benessere comprende ampiamente la medicina complementare e alternativa, la nutrizione, le spa, fitness e attività di mente-corpo, la cura della bellezza e del corpo e il turismo dedicato al benessere. Secondo il rapporto del 2013 del Wellness Global Institute, entro il 2050 la percentuale della popolazione mondiale con più di 60 anni raddoppierà. Tra il 2002 e il 2020, la spesa sanitaria nei paesi dell’OCSE sarà più del triplo. In tutto il mondo, l’obesità è quasi raddoppiata dal 1980 e quasi il 10 per cento della popolazione adulta del mondo ha il diabete. Inoltre  le malattie croniche sono responsabili del 60 per cento delle morti, dice il rapporto. Gli Emirati Arabi Uniti, in particolare Dubai, è tra i paesi della regione con il maggior sviluppo termale, che è quasi raddoppiato dal 2007, insieme con il Marocco e l’Arabia Saudita. I consumatori in Medio Oriente hanno a lungo associato terme con relax. L’aumento dei redditi, la crescita della popolazione, e l’afflusso turistico aumentato nei paesi del Golfo hanno continuato a guidare la crescita di centri benessere e delle spa degli hotel, molte delle quali sono dedicate a segmenti di consumatori locali di lusso, secondo Hood. “La regione ha aggiunto molti hotel e resort negli ultimi anni e gli ampi centri benessere e fitness sono servizi ormai standard e attesi da asiatici facoltosi, uomini d’affari o semplici visitatori del Golfo Persico”, ha detto Hood.

Nel 2013, il numero delle stazioni termali negli Emirati Arabi Uniti è arrivato a 566, con un fatturato annuo di 581,6 milioni dollari. Il numero dei viaggi dedicati al benessere nel 2013 si attesta a 1,2 milioni, con un valore di 2,24 milioni dollari, conclude il rapporto.

One thought on “Cresce il turismo del benessere a Dubai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *