Diario pubblico dell’allenamento per la maratona di Dubai 2012 – sessione 8

Obiettivo: maratona di Dubai 2012

Sessione Numero: 8

Data: 2011.01.19

Location: Milano – zona Navigli

Tipo di allenamento: ripetute veloci

Descrizione dell’allenamento: 3,5 km riscaldamento, 7 ripetute sui 200 mt (alternate a 100 mt di recupero), 3,5 km defaticamento

Considerazioni sulla corsa: così come riporta Stefano Baldini nel suo libro Maratona per tutti e così come tante volte detto dal mio Khruu yai (maestro di Muay Thai) Giulio Gessari, quando si corre / si combatte, il corpo dovrebbe essere come sospeso attraverso un filo immaginario, che lascia gambe e braccia liberi di muoversi. Questo è quello che fa per me la differenza tra chi fa footing o basic running, e chi davvero inizia a correre. Il corpo è come sospeso nell’aria, spinto dalle gambe, che effettuano un movimento circolare (più simile al ciclismo che alla cognizione che mediamente si ha della corsa) ed aiutato dalle braccia, che fanno un movimento circolare più piccolo, aiutando a spingere il corpo in avanti. Lo sguardo è in avanti, mai per terra. I piedi toccano il suolo per il minor tempo possibile.

Note: prima volta che faccio le ripetute sui 200 mt. Sono un massacro. Allenamento intenso sia a livello muscolare, sia a livello aerobico; anche perchè non essendo abituato ai 200 mt evidentemente forzavo più del dovuto. Ci vorrebbero 2 ore di massaggio thai..

Non c’è di meglio che…: arrivare a casa dopo un allenamento così intenso e scoprire di aver perso le chiavi di casa, dover tornare indietro e cercarle lungo il naviglio. Per fortuna erano per terra a circa 3 km da casa che mi aspettavano… L’importante è averle trovate!

Per consigli sull’alimentazione specifica per la preparazione di una maratona si veda il sito www.sportenutrizione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *