Guidare a Dubai: consigli utili

Dubai può vantare una qualità delle strade eccellente e paragonabile a quella di qualsiasi altra città moderna europea o statunitense. La maggior parte delle strade ha dalle 2 alle 4 corsie, e le arterie stradali principali (tipo la Sheikh Zayed Road che porta fino ad Abu Dhabi) dispongono addirittura di 4-6 corsie per ogni senso di marcia. Si guida sul lato destro della strada e i limiti di velocità sono controllati mediante l’utilizzo di radar per il controllo della velocità, fissi e disposti dinamicamente. La RTA (Road and Trasport Authority) sta procedendo ad ampliamenti di vaste proporzioni e attualmente vi sono diversi progetti in vari stadi di avanzamento, tra cui i passaggi transitabili sul Creek, soprattutto in previsione dell’Expo. Le nuove strade e le nuove strutture permetteranno di ridurre i frequenti ingorghi in alcune zone strategiche di Dubai.

La metropolitana ha infatti ridotto sensibilmente ma non drasticamente il flusso di auto, anche perchè le stazioni sono non sempre vicine i luoghi di interesse.

Per chi vuole noleggiare un’auto sono disponibili numerose società di autonoleggio: a Dubai operano quasi tutti i principali autonoleggi internazionali e già presso gli aeroporti troverete una serie di appositi banconi dove poter noleggiare un’auto subito dopo il proprio arrivo; è sufficiente la patente di guida italiana / europea, da esibire unitamente al proprio passaporto e una carta di credito. Le piccole compagnie private invece potrebbero richiedere la patente internazionale (a causa della traduzione in arabo), e accettare solo Visa/Mastercard o contanti come deposito cauzionale.

I conducenti devono avere compiuto almeno 21 anni e avere conseguito la patente di guida da almeno un anno. Spesso si richiede un’età minima di 25 anni e una carta di credito con fido più alto per modelli di auto più costose. Con la propria patente è possibile guidare auto a noleggio, ma non è possibile guidare auto private, prestate da residenti. In caso di incidente, anche per piccoli danni, occorre informare immediatamente la polizia e farsi rilasciare un rapporto scritto (report), altrimenti l’assicurazione della società di autonoleggio potrebbe non coprire i danni. Si raccomanda pertanto di guidare con prudenza. A volte è facoltativa una collision damage waiver (una riduzione convenzionale della responsabilità del cliente per danni conseguenti ad incidenti, sinistri, tentati furti o incendi totali o parziali nei limiti di una franchigia che varia a seconda del veicolo).

Quando si ottiene il visto residente è necessario convertire immediatamente la patente italiana / europea con quella locale.

La segnalitica non sempre è intuitiva e il sistema di svincoli a volte complesso da interpretare e in rapida evoluzione a causa della veloce espansione della città. Quindi attenzione a chi frena improvvisamente perchè si rende conto all’ultimo istante che deve svoltare, e attenzione voi stessi al tragitto. Un punto vicino in linea d’aria, in realtà potrebbe richiedere varie svolte e inversioni a U per essere raggiunto. Un navigatore può aiutare, ma quando una strada si dirama in 4 e il navigatore suggerisce di andare dritto, può non essere facile da capire dove si debba andare effettivamente.

Molte zone hanno parcheggio a pagamento durante il giorno; il parcheggio può essere pagato con monete all’apposito parchimetro, oppure via sms, inviando un messaggio con

NUMEROdiTARGA AREAdiPARCHEGGIO NUMEROdiORE

es: M12345 382F 2

(l’auto con targa M12345 parcheggia nell’area 382F per 2 h)

Quando ci si ferma presso hotel, ristoranti e torri lavorative, spesso è presente il valet parking, spesso gratuito se si spende un minimo all’interno del luogo stesso.
Ricordiamo che se siete a Dubai durante il periodo del Ramadan, l’astinenza diurna da cibo e acqua, rappresenta per gli osservanti una fonte di stress, che genera magari del nervosismo. Quando si avvicina il tramonto non è raro vedere incidenti d’auto, legati ad una guida molto spericolata da parte degli osservanti che vogliono raggiungere rapidamente la propria casa o il ristorante per mangiare, dopo una lunga giornata di digiuno e di sete (iftar, il banchetto che celebra la fine del digiuno quotidiano).
Dubai ha un sistema automatico di pedaggio stradale (una sorta di telepass), denominato Salik. Senza, cancelli cabine o barriere, Salik è stato progettato per alleggerire il traffico e la congestione su alcune delle strade principali di Dubai; ogni auto deve avere un dispositivo Salik. Utilizzando la radio frequenza, il sistema dedurrà automaticamente l’ importo dal conto prepagato ogni volta che si attraversa i punti di pedaggio previsti. È possibile ottenere un dispositivo Salik da alcune stazioni di benzina.
Ogni volta che si passa attraverso il punto di pedaggio, vengono scalati 5 dirham (circa US $ 1,5), fino ad un importo massimo giornaliero.

Consigli

  • È obbligatorio allacciare le cinture di sicurezza ed è proibito usare telefoni cellulari mentre si è alla guida senza auricolare
  • È vietato guidare in stato di ebbrezza e il tasso alcolemico massimo consentito è pari a 0.
  • Soccorso stradale: Arabian Automobile Association: www.aaa-uae.com
  • Per alcune violazioni minori del codice della strada sono previste sanzioni immediate sul posto.
  • Le autostrade e le strade principali sono identificate da un numero di strada dell’Emirato.
  • Le pattuglie della polizia sono spesso con auto civili, senza insegne
  • I cartelli blu o verdi indicano le principali aree o località extraurbane, mentre i cartelli marroni indicano siti di interesse storico, siti di interesse generale e strutture ospedaliere.
  • I limiti di velocità sono chiaramente indicati e di solito variano tra i 60-80 km/h (37-50 mi/h) nei pressi delle città e 100-120 km/h (62-74 mi/h) sulle autostrade.

2 thoughts on “Guidare a Dubai: consigli utili

  • 30 Gennaio 2013 at 13:36
    Permalink

    Gentile Nicola, la mia domanda è la seguente: i pedoni hanno la priorità?
    Non più di mezz’ora esco dal complex dove abito. Scendo dal marciapiede destro per attraversare la strada. Una strada interna non di traffico sostenuto. Una macchina esce dallo stesso complex, svolta a destra mi taglia la strada e la macchina mi colpisce il braccio dx, la “Signora” al volante apre il finestrino inizia a sbraitare, non mi chiede nulla, mi difendo anch’io, ma la cara “Signora” se ne va pienamente convinta di aver ragione. Sono sbigottita, cordiali saluti Castellani Patrizia

  • 30 Gennaio 2013 at 23:16
    Permalink

    Salve Patrizia.
    Cito testualmente dal sito RTA che regolamenta il traffico a Dubai “Remember: Rule of Giving Way especially to pedestrians as a road partners”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *