Inizio del ramadan 2014: 28 giugno; comincia il rituale del digiuno

Ramadan 2014: il 28 giugno comincia il rituale del digiuno

Nel 2014 l’inizio del Ramadan cade sabato 28 giugno e terminerà domenica 27 luglio con i festeggiamenti del Eid al-Fitr. Il Ramadan, detto anche il Digiuno, è il mese sacro del calendario islamico. E’ il nono mese dell’anno e ha una durata di 29 o 30 giorni. Naturalmente, anche per i fedeli musulmani di Dubai il Ramadan è un mese speciale la cui sacralità è fondata sulla tradizione del Corano secondo la quale Maometto in questo mese avrebbe ricevuto una rivelazione dall’arcangelo Gabriele. L’etimologia della parola deriva dall’arabo “ramad” che significa “ardente”, il che induce a ritenere che in origine (quando la calendarizzazione dei mesi era legata al ciclo solare) fosse sempre un mese estivo. Da quando poi Maometto decise di legare il calendario islamico ai cicli lunari (così da risultare composto da 354 o 355 giorni anziché 364 o 365), il Ramadan cade in un momento diverso dell’anno solare e quindi anno dopo anno, in una stagione diversa.

Il Ramadan è un periodo importante nella vita spirituale di ogni musulmano: è il tempo del digiuno, della preghiera e del sacrificio che si fa in onore di Maometto e, soprattutto di Allah. Durante il Ramadan, il Corano prevede l’astensione dal cibo dall’alba al tramonto. Il digiuno costituisce il terzo dei Cinque Pilastri dell’Islam. Le donne incinte, i bambini, gli anziani, i malati cronici sono sollevati dal precetto di digiunare; le persone in viaggio, gli atleti e le donne nel periodo mestruale possono invece, solo rimandare il digiuno.

Il digiuno è di solito preceduto da un pasto leggero prima dell’alba (suhur). Quando tramonta il sole il rituale del digiuno viene rotto: la tradizione vuole che si debba mangiare un dattero perché così faceva il Profeta; in alternativa si può bere un bicchiere d’acqua. Il pasto serale (iftar) che segue alla chiamata alla preghiera del muezzin, conclude la giornata. Originariamente frugale e leggero, l’iftar è oggi un pasto ricco con molte pietanze grasse e dolci. Oltre al digiuno, durante il Ramadan i musulmani praticanti devono anche astenersi dal fumare, dal bere e dall’avere rapporti sessuali. L’astinenza dai piaceri terreni avvicina a Dio e insegna all’uomo la pazienza, l’autodisciplina e infonde il senso di appartenenza alla comunità.

 

Ramadan 2014: il 28 giugno comincia il rituale del digiuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *