Free Zone a Dubai e negli Emirati Arabi Uniti: crescita dell’altra economia

Free Zone Dubai Emirati Arabi Uniti crescita altra economiaLe Free Zone a Dubai e negli Emirati Arabi Uniti crescono, hanno rappresentato il 33 per cento del commercio non petrolifero degli Emirati Arabi Uniti nel 2014, in base a Sultan bin Saeed Al Mansoori, Ministro dell’Economia degli Emirati Arabi Uniti. “Le Free Zone a Dubai e negli Emirati Arabi Uniti svolgono un ruolo chiave nella globalizzazione e diversificazione economica degli Emirati Arabi Uniti, adottando i principi del libero commercio. Aiutiamo a stimolare il commercio e gli investimenti, e facilitiamo il trasferimento di competenze, conoscenze e tecnologie”, ha detto il ministro ad una sessione della prima edizione internazionale del World Conference and Exhibition Free Zone, a cui ha partecipato anche Sua Altezza lo sceicco Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e governatore di Dubai.

Durante il 2014, il commercio delle Free Zone è cresciuto del 16 per cento rispetto all’anno precedente. “Gli Emirati Arabi Uniti oggi vantano 36 zone franche con settori specializzati per il commercio, l’energia pulita, l’industria, ICT, media, finanza, oro e metalli, e la sanità. ect. Gli Emirati Arabi Uniti hanno sviluppato la propria economia con una particolare attenzione per i settori del commercio estero, investimenti e l’industria. Questi sforzi hanno portato a rafforzare la diversificazione e lo status del commercio degli Emirati Arabi Uniti a livello globale, aumentando la competitività”, ha aggiunto Al Mansoori. Gli Emirati Arabi Uniti è diventato anche il paese arabo più importante ad attrarre investimenti diretti esteri. I flussi di investimenti diretti stranieri sono aumentati da $ 4 miliardi nel 2009 a 11,85 miliardi dollari nel 2014. Juma Mohammad Al Kait, Sottosegretario degli Affari e Commercio Estero presso il Ministero dell’Economia degli Emirati Arabi Uniti, ha attribuito il successo del modello economico degli Emirati Arabi Uniti alla forza della componente strutturale e ad una politica di diversificazione economica perseguita dal paese. “Nel 2000, gli Emirati Arabi Uniti aveva una piccola economia dipendente dal petrolio, con un prodotto interno lordo (PIL) di Dh 383 miliardi che è gradualmente salito, in crescita del 286 per cento a Dh1.4 migliaia di miliardi nel 2013″ ha detto. Egli si aspetta una crescita economica stabile del cinque per cento nei prossimi cinque anni. “Bisogna comprendere l’importanza delle zone franche per garantire una crescita globale sostenuta e il governo degli Emirati Arabi Uniti ha dedicato particolare attenzione per garantirne il successo e la loro consacrazione definitiva,” Al Kait ha detto. Egli attribuisce questo successo anche alla capacità del paese di fornire agli investitori e alle imprese, infrastrutture avanzate e servizi adeguati rispetto al contesto business e con un ambiente normativo trasparente. Le Free Zone permettono 100 per cento della proprietà, permettono il trasferimento e rientro capitali da Dubai e dagli Emirati Arabi Uniti, fornendo le esenzioni in materia doganale e fiscale, ha aggiunto il sottosegretario. Al Mansoori ha detto che le zone franche senza dubbio emergeranno come parte essenziale e integrante della strategia nazionale per lo sviluppo economico futuro e certamente svolgono e svolgeranno sempre un ruolo più significativo nel commercio globale in generale. “Tuttavia, per avere successo queste zone franche devono offrire molto più di un posto rilassato per fare business, devono essere stabilite con attenzione le posizioni strategiche. Allo stesso tempo, i governi devono fornire loro la giusta infrastruttura, e attuare regolamenti adeguati per la loro crescita, ha aggiunto il ministro.

Il numero e la portata delle Free Zone che dovrebbero esistere in ogni paese per ottenere i migliori risultati sono ancora argomenti di discussione. Mercati in Asia, Europa e Medio Oriente devono ancora fare tanto per raggiungere i risultati sperati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *