Giocare a Golf a Dubai… i migliori “green” degli UAE

Dubai Emirates Golf

A torto o a ragione, il golf viene considerato uno “sport per ricchi”. Anzi più che uno sport spesso viene vissuto dai praticanti come un hobby, un pretesto quasi per poter frequentare determinati circoli e ambienti esclusivi. Non me ne voglia chi invece ha una vera e propria passione per questo sport: non era mia intenzione generalizzare.

Resta il fatto che avvicinarsi a questo affascianante sport, richiede impegno anche economico, non fosse altro per le attrezzature e per l’esclusività dei circoli. Ovviamente Dubai – capitale del lusso in tutte le versioni – non poteva sottrarsi a questo “must”, e offre a turisti e residenti la possibilità di giocare splendide partite hotel_dubai_viaggio_golf-dubaidi golf in un contesto da favola.

I due più rinomati circoli del golf di Dubai sono sicuramente l’Emirates Golf Club e il Dubai Creek Golf and Yatch Club. Altri hotel di lusso hanno però circuiti al loro interno. Si citano a titolo indicativo e non esaustivo:

  • Nad Al Sheba Club
  • The Al Badia Golf Resort
  • The Montgomerie Dubai
  • The Desert Course at Arabian Ranches
  • Desert Course
  • Jebel Ali Golf Resort & Spa

Riportiamo indirizzi, contatti dei vari circoli, soffermandoci con una breve descrizione per i due più importanti:

Dubai Creek Golf and Yacht Club

Dubai Creek Golf & Yacht Club, Garhoud Area, PO Box 6302, Dubai, United Arab Emirates

A pochi minuti dal Dubai International Airport su Al-Garhoud Road, proprio di fronte Al-Garhoud Bridge, di fronte il complesso City Centre Shopping.

Telefono: +9714 2956000 Fax: +9714 2956044

Dubai Creek Golf and Yacht Club è stato recentemente rinnovato divenendo un impegnativo campo di livello internazionale par 71 lungo 6270 m, con nove nuove buche iniziali, cui si aggiunge un nuovo percorso da 9 buche par 3, una modernissima scuola di golf, perfettamente attrezzata, un driving range con illuminazione artificiale e un ampio campo pratica.

Il Circuito

  • Tre laghi artificiali e ulteriori ostacoli con acqua di mare costituiscono la particolarità di questo campo da golf di Dubai, costituito da un totale di 18 buche, par 71, 6.839 metri in lunghezza
  • Il tracciato di 9 buche, par 3 è l’ideale per fare pratica di giorno o di sera. I Dog-legs lungo il fairways attraggono e divertono sia i principianti che i professionisti.

 

Facilitations

  • Il Dubai Creek & Yatch Club – di ispirazione “marina” – ospita numerosi bar e due ristoranti: l’Aquarium, ristorante di pesce, il popolare “Board walk”, che ha al suo interno anche un“Boardwalk Café”, di recente inaugurazione.
  • Sono da annoverare anche le strutture ricettive, costituite da un porticciolo con 121 posti barca, il Park Hyatt Hotel (con 225 camere), 92 prestigiose ville con quattro camere da letto e una club house alta 45 mt, la cui forma ricorda le vele di una dhow (la tipica imbarcazione araba).
  • Offre strutture dove poter praticare vari sports oltre il golf, palestra, tennis e molte altre attività.

Regolamento

  • I visitatori sono benvenuti sulle basi del “pay-as-you-play” (paghi quanto giochi)
  • Tutti i giocatori devono avere un handicap di 28 per gli uomini e 45 per le donne.
  • I giocatori devono attenersi alle regole internazionali di abbigliamento.
  • Tutti i circuiti di Golf a Dubai sono spikeless.

Costi: il percorso da 18 buche costa 395 AED ($108) dalla domenica al mercoledì, e 475 AED ($130) dal giovedì al sabato e durante le festività. L’accesso al campo d’allenamento da 9 buche costa 50 AED ($14).

Emirates Golf Club
P. O. Box 24040, Dubai
alle spalle degli alberghi affacciati su Jumeirah Beach

Ph. +971 4 380 2222

L’Emirates Golf Club è il primo campo da campionato in erba del Medio Oriente; è stato votato n° 1 dell’European PGA Tour dai giocatori che si sono cimentati nel Dubai Desert Classic, svoltasi 14 volte in tale Club a Dubai.

Il Circuito

  • Il campo principale Majlis è composto da 18 buche, par 72, e  si estende per 6492 m.  Sei laghetti fanno da ostacoli d’acqua per nove delle buche e contribuiscono al fascino paesaggistico di questo splendido campo.
  • L’impegnativo Wadi Corse è invece un percorso da 18 buche par 72, con ostacoli d’acqua e bunker

 

Facilitations

  • La spettacolare club house di 5500 mq, progettata per ricordare nell’aspetto un accampamento di tende beduine, è tra le più originali e rinomate nei circuiti internazionali.
  • Un ristorante a 5 stelle offre una raffinata cucina francese, in aggiunta a cafè.
  • Corsi individuali e di gruppi con qualificati professionisti PGA,3 hole Academy Course per lezioni private da qualificati professionisti PGA, due driving ranges, centro d’insegnamento con aria condizionata attrezzato con le ultime tecnologie video, costituiscono la parte dedicata ai neofiti del golf a Dubai.
  • Piscine, campi da squash e tennis, palestre, centro relax, campi di calcio completano la struttura.

Costi: il percorso Majilis da 18 buche costa 475 AED ($130); per il Wadi Course si paga invece AED 330 dalla domenica al mercoledì, AED 365  dal giovedì al sabato e durante le festività.

In tutti i campi è possibile noleggiare l’attrezzatura completa.

 

Nad al Sheba Golf Club
Po Box 52872, Dubai
Ph. +971 4 3363666

Al Badia Golf Resort
Al Badia Golf Resort, Dubai Festival City, Al Rebat Street, Ras Al Khor, Dubai
Ph. +971 4 285 5772

The Montgomerie
Dubai, P.O Box 36700, Dubai
Ph. (+971 4) 390 5600

Arabian Ranches Golf Club
Emirates Road (311), P.O.BOX 36700 , Dubai
Ph. +971 4 3663000

Jebel Ali Golf Resort and Spa
PO Box 9255, Dubai
Ph. +971 (0)4 8836000

Dubai Country Club
P.O.Box 5103, Dubai
Hatta Road, Dubai

Cosa aspetti? Prova anche tu l’emozione del green..

Curiosità: perchè nel golf si giocano 18 buche?

Come mai un round convenzionale di golf è disputato su 18 buche?

 

Origine delle 18 buche nel golf

I primi campi da golf del mondo comparirono in Scozia e avevano un numero variabile di buche da 5 a 24 buche. Nel 1746 l’Old Course di St Andrews, uno dei più antichi e famosi Golf Club si sviluppava su una striscia di terra in mezzo al mare e constava di 12 buche, che venivano giocate due volte (andata e ritorno, in e out).

Nel 1764 le prime 4 buche (considerate troppo corte) del St Andrews vennero accorpate in due, da 12 buche l’Old Course si ridusse a sole 10 buche, di cui 8 giocate due volte. Dopo vari anni, si decise di uniformare il percorso su 9 buche, giocate tutte due volte ( da cui la convenzione di considerare 9 buche come “in” e 9 come “out”).

Nel 1858 il Royal & Ancient Golf Club of St. Andrews dichiarò che le 18 buche erano un giro convenzionale, nel 1871 quando la R&A era ormai diventata la depositaria delle regole del golf in uso su tutti i campi conformi le 18 buche divennero lo standard per i campi da golf e le competizioni ufficiali.

Si sostiene anche però che diciotto sia il numero perfetto di bicchieri per finire una bottiglia di Scotch… e considerando le origini di questo sport ci può stare..

Nad Al Sheba Club
The Al Badia Golf Resort
The Montgomerie Dubai
The Desert Course at Arabian Ranches
Jebel Ali Golf Resort & Spa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *